Dizionari del cinema
Quotidiani (1)
Miscellanea (2)
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
domenica 17 febbraio 2019

Willem Dafoe

Indagando nell'anima di un cattivo d'eccezione

63 anni, 22 Luglio 1955 (Cancro), Appletown (Wisconsin - USA)
occhiello
Alcuni infiniti sono semplicemente più grandi di altri
dal film Colpa delle stelle (2014) Willem Dafoe è Peter Van Houten
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Willem Dafoe
Golden Globes 2019
Nomination miglior attore in un film drammatico per il film Van Gogh - Sulla soglia dell'eternità di Julian Schnabel

Premio Oscar 2019
Nomination miglior attore per il film Van Gogh - Sulla soglia dell'eternità di Julian Schnabel

Critics Choice Award 2019
Nomination miglior attore per il film Van Gogh - Sulla soglia dell'eternità di Julian Schnabel

Premio Oscar 2018
Nomination miglior attore non protagonista per il film Un sogno chiamato Florida di Sean Baker (II)

BAFTA 2018
Nomination miglior attore non protagonista per il film Un sogno chiamato Florida di Sean Baker (II)

Festival di Venezia 2018
Premio coppa volpi migliore interpretazione maschile per il film Van Gogh - Sulla soglia dell'eternità di Julian Schnabel

Golden Globes 2001
Nomination miglior attore non protagonista per il film L'ombra del vampiro di E. Elias Merhige

Premio Oscar 2000
Nomination miglior attore non protagonista per il film L'ombra del vampiro di E. Elias Merhige

Premio Oscar 1986
Nomination miglior attore non protagonista per il film Platoon di Oliver Stone



Il film di Scott Cooper in streaming su MYMOVIESLIVE! il 18 agosto.

Il fuoco della vendetta, un cast che fa la differenza

venerdì 15 agosto 2014 - Paola Casella cinemanews

Il fuoco della vendetta, un cast che fa la differenza Che differenza fa un cast di caratteristi? Tutta la differenza del mondo, come dimostra Il fuoco della vendetta (dal 27 agosto al cinema e lunedì 18 agosto in streaming su MYMOVIESLIVE!), malinconico film di Scott Cooper che fa leva tanto sulle atmosfere struggenti quanto sul gioco di squadra di un gruppo di attori abituati a lasciare il segno anche in ruoli minori: Casey Affleck, Woody Harrelson e Willem Dafoe. Continua »

   

Abel Ferrara presenta in concorso il suo 4:44 Last Day on Earth.

La fine del mondo? Tutta colpa del buco dell'ozono

mercoledì 7 settembre 2011 - Ilaria Ravarino cinemanews

La fine del mondo? Tutta colpa del buco dell'ozono Tutta colpa del buco nell'ozono. E stavolta, a dar retta ad Abel Ferrara, è proprio vero. In concorso con l'apocalittico 4:44 Last Day on Earth, proiettato ieri notte con oltre un'ora di ritardo e salutato da un misto di applausi e fischi, l'eccentrico regista ha partecipato stamattina a un animato incontro con la stampa. Accanto a lui gli attori Willem Dafoe e Shanine Leigh, ex di Ferrara, insieme a un nutrito gruppo di amici e collaboratori seduti in platea e salutati uno per uno dal regista, particolarmente bendisposto e piuttosto incline alla risata: «E poi... poi ci dovrebbero essere anche i miei finanziatori – ha aperto l'incontro indicando la platea - ci sono i miei finanziatori? Li vedete? Ok, evidentemente sono scappati». In concorso con un film sulla fine del mondo, e noto per il carattere indomito che più volte ha dato scandalo, in una mattina particolarmente serena il regista ha scongiurato il rischio più grande: diventare, suo malgrado, il Von Trier di Venezia.
«Quando sei un poeta sei sempre maledetto – ha detto di lui il produttore - la maledizione di Abel è il suo essere eccessivamente sensibile, e la sua fortuna è nella capacità di fare film così personali. È un vero autore, nel senso pieno della parola». Continua »

Le riprese del film cominceranno nell'estate del 2012.

Von Trier pianifica una versione soft e una hardcore di Nyphomaniac

martedì 2 agosto 2011 - Marlen Vazzoler cinemanews

Von Trier pianifica una versione soft e una hardcore di Nyphomaniac Dopo la presentazione di Melancholia a Cannes, in molti si sono chiesti quale sarebbe stato il prossimo progetto del regista danese Lars Von Trier.
Ieri Screen Daily ha confermato che il prossimo film del regista sarà Nymphomaniac, una pellicola che seguirà la vita erotica di una donna dalla sua nascita ai cinquant'anni. Naturalmente i contenuti del film, la grafica delle scene sessuali e la parte dedicata sulla sessualità giovanile faranno scuotere la testa ai censori, ma Von Trier ha già considerato tali problemi e per questo motivo ha deciso di realizzare due versioni: una hardcore in cui verranno inserite le scene di penetrazione e una softcore che verrà distribuita nella maggior parte dei cinema. Non è la prima volta che Von Trier crea pellicole dai contenuti forti in ambito sessuale, basta ricordare la scena col coltello in Antichrist con Dafoe e la Gainsbourg. La storia sarà divisa in otto capitoli che avranno altrettanti titoli, tipo “La chiesa orientale e occidentale” e “La piccola scuola di organo”. Nonostante le tematiche trattate il progetto sarà incentrato sopratutto sui dialoghi.
Il co-fondatore di Zentropa, il produttore Peter Aalbæk Jensen, ha dichiarato: “(Von Trier) ha intenzione di fare questo progetto. Penso che si tratterà di un film molto spassoso, molto erotico ma anche molto divertente. Penso che abbiamo qualcosa che potrà generare molta attenzione da parte della stampa. Quanto sarà pornografico dipenderà da quanto verrà determinato dai finanziamenti”.
Sul fatto che la pellicola verrà girata al di fuori della Danimarca, Aalbæk ha spiegato: “Questo è il problema di provenire da una... piccola nazione. Dobbiamo mettere insieme i finanziamenti e girare dove le persone sono così generose da supportare Lars. Abbiamo sempre girato in Svezia o in Germania e abbiamo sempre avuto dei preziosi sostegni da Film I Vast e North-Rhine Westphalia. Gireremo o faremo post-produzione in una di queste regioni”.
La pellicola sarà in lingua inglese e le riprese cominceranno nell'estate del 2012. La data di uscita è prevista per il 2013.

   

L'indipendente Abel Ferrara racconta la difficoltà di fare cinema.

Go Go Tales: storie di vita in un locale di spogliarelliste

mercoledì 18 giugno 2008 - Tirza Bonifazi Tognazzi cinemanews

Go Go Tales: storie di vita in un locale di spogliarelliste Adrian, Elektra, Kelly, Goldie, Leila, Dolly, Sugar, Madison, Monroe, Debby sono alcune delle ragazze scritturate da Ray Ruby (una vita passata nei night club e una spesa nelle ricevitorie del lotto) per intrattenere i clienti del suo Paradise, un locale di ballerine spogliarelliste. I loro corpi tonici e imbrillantinati si muovono sinuosi sopra e sotto il palco, ma dietro le quinte fremono e s'incapricciano. Ray ha speso gli ultimi soldi tentando per l'ennesima volta la fortuna al lotto. È in ritardo con il pagamento dell'affitto del locale e dovrà mandare le ragazze a casa senza un soldo, a meno che il vento non abbia deciso di girare in suo favore. Se i protagonisti dell'altamaniano Radio America andavano consciamente incontro alla chiusura del loro programma e si preparavano all'ultimo show, in Go Go Tales, nonostante le insidie, il sogno di Ray è alimentato dalla fortuna e dall'amore per il suo locale. Un sogno increspato dalle difficoltà economiche, metafora del cinema e delle avversità che un regista indipendente deve affrontare per realizzare un film. Ne abbiamo parlato con Abel Ferrara che, accompagnato dalle sue Go Go Girls e da Willem Dafoe, ha riprodotto in conferenza stampa la stessa allegra confusione del suo ultimo film.

Van Gogh - Sulla soglia dell'eternità

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,85)
Un film di Julian Schnabel. Con Willem Dafoe, Rupert Friend, Oscar Isaac, Mathieu Amalric, Emmanuelle Seigner.
continua»

Genere Biografico, - USA 2018. Uscita 03/01/2019.

Aquaman

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,79)
Un film di James Wan. Con Jason Momoa, Amber Heard, Willem Dafoe, Patrick Wilson, Dolph Lundgren.
continua»

Genere Azione, - USA 2018. Uscita 01/01/2019.

Piazza Vittorio

* * * - -
(mymonetro: 3,00)
Un film di Abel Ferrara. Con Willem Dafoe, Matteo Garrone
Genere Documentario, - Italia 2017. Uscita 20/09/2018.

Un sogno chiamato Florida

* * * 1/2 -
(mymonetro: 3,63)
Un film di Sean Baker (II). Con Willem Dafoe, Brooklynn Prince, Bria Vinaite, Valeria Cotto, Christopher Rivera.
continua»

Genere Drammatico, - USA 2017. Uscita 22/03/2018.

L'arte viva di Julian Schnabel

* * * - -
(mymonetro: 3,00)
Un film di Pappi Corsicato. Con Laurie Anderson, Hector Babenco, Jean Michel Basquiat, Bono, Mary-Bonner Baker.
continua»

Genere Eventi, - USA, Italia 2017. Uscita 12/12/2017.
Filmografia di Willem Dafoe »

martedì 22 gennaio 2019 - 7 candidature per Black Panther, seguito da BlackKklansman di Spike Lee. Il 24 febbraio la cerimonia di premiazione.

Oscar 2019, incetta di nominations per La favorita e Roma

a cura della redazione cinemanews

Oscar 2019, incetta di nominations per La favorita e Roma Dal Samuel Goldwyn Theater di Beverly Hills sono state annunciate le nomination della 91ª edizione della cerimonia degli Oscar. Roma (guarda la video recensione) di Alfonso Cuarón, dopo aver conquistato il Leone d'Oro all'ultima Mostra del Cinema di Venezia, continua la sua corsa e fa incetta di nominations, compresa la candidatura come Miglior Film. Stesso destino per La favorita (guarda la video recensione) che ottiene 10 candidature. In corsa con numerose candidature anche i film Vice (guarda la video recensione), BlackKklansman (guarda la video recensione), Green Book (guarda la video recensione) e A Star is Born (guarda la video recensione). Nella categoria Miglior Film Straniero è stato nominato Un affare di famiglia (guarda la video recensione) del regista giapponese Kore'eda Hirokazu, già premiato con la Palma d'oro a Cannes, oltre a Roma (guarda la video recensione), Opera senza autore (guarda la video recensione), Cafarnao e Cold War (guarda la video recensione). Il prossimo appuntamento con gli Oscar è la cerimonia di premiazione, in programma il prossimo 24 febbraio ad Hollywood, al Dolby Theatre. A condurre la serata era stato chiamato il comico statunitense Kevin Hart che ha poi rinunciato in seguito ad alcuni tweet omofobi postati sul suo account.

giovedì 10 gennaio 2019 - I più grandi autori cinematografici sono stati da sempre attratti dall'arte visiva, quella delle immagini non in movimento.

Il cinema è arte: ecco il Farinotti 2019

Rossella Farinotti cinemanews

Il cinema è arte: ecco il Farinotti 2019 Il cinema è arte. I più grandi autori cinematografici del '900 e di oggi hanno da sempre guardato l'arte visiva, quella delle immagini non in movimento: la pittura, la scultura e anche la fotografia sono serviti come mezzi d'ispirazione per estetica e per i contenuti. Quell' "arte per l'arte" teorizzata dal romantico Théophile Gautier esiste ancora: il 2018 al cinema ha visto diversi film dedicati a grandi artisti che hanno fatto la storia, a proprio modo. Diversi i generi, le tematiche trasposte, i periodi storici e le aree geografiche, ma l'artista attira: da Egon Schiele (2016, uscito nelle sale in Italia più tardi), il tormentato pittore austriaco qui interpretato dall'affascinante Noah Saavedra, all'acclamato At Eternity's Gate di Julian Schnabel, dove racconta la mitizzata figura di Van Gogh interpretato da Willem Dafoe Schnabel, pittore e artista visivo noto sulle scene dell'arte contemporanea dagli anni '80, fin dal suo connubio con la gallerista newyorkese Mary Boone, aveva già lavorato registicamente su un "kult" dell'arte visiva: Jean Michel Basquiat, il suo film più riuscito, seppur "romanzato" alla maniera di Schnabel. E poi i documentari: da Cézanne a Salvador Dalì, da Caravaggio (Caravaggio. L'anima e il sangue, di grande successo di pubblico, grazie anche all'intensa voce narrante di Manuel Agnelli, il cantante degli Afterhours) a Marina Abramovich, che si racconta nel suo film documentario girato in Brasile, dal titolo The space in Between. Marina Abravomich and Brasil.

E poi gli autori che dal contemporaneo traggono spunto, sia ironicamente alla maniera di Sorrentino quando, ne La grande bellezza, prende in giro il sistema del contemporaneo attraverso la bambina "pollockiana" che dipinge davanti al pubblico ricco e viziato degli amici di famiglia, o della performer in stile Abramovich che parla in terza persona, o Garrone che utilizza una fotografia quasi seicentesca, fino a Yoko Ono che porta dopo anni al cinema Imagine, il film/documentario sulla vita e sperimentazioni tra lei e Lennon. Van Gogh è il più raccontato: oltre al film di Schnabel, è uscito Van Gogh tra il grano e il cielo e una pellicola animata da 100 artisti diversi che hanno dipinto, fotogramma per fotogramma, una storia noir sulla morte del pittore olandese, Loving Vincent (guarda la video recensione).
Hitchcock, Visconti, Ford, Dreyer, Saura, Scott, Minnelli, Kubrick, Kim Ki Duk, David Lynch... sono tra quei cineasti assoluti riconoscibili per la loro estetica e magia del racconto. Hitchcock ha esplorato Hopper e Dalì: dall'inquietante casa di Psyco alle immagini oniriche di Io ti salverò (basti pensare all'elemento daliniano tra i più noti: l'orologio sciolto). E poi Dalì collaborava con autori come Buñuel: Le chien andalou rappresenta un tripudio di immagini pittoriche, surreali e drammatiche in movimento. "Visconti ha attinto da Hayez per quel famoso bacio in Senso. Il gladiatore di Ridley Scott è un dipinto di Gerome. Kubrick ha "ricostruito" gli inglesi del '700, come Hogarth in Barry Lyndon, e mostrato opere contemporanee - da Brancusi al pop Mel Ramos - in Arancia Meccanica." (Il quadro che visse due volte, Morellini editore). I personaggi di Dreyer in Dies irae si calano letteralmente dai dipinti di Rembrandt. Saura anima Goya e i suoi incubi mettendo in vita La fucilazione del 3 maggio.

E, ancora quest'anno, Stanley Tucci non resiste e, alla sua prima regia, mette in scena una bohemienne vita di Giacometti che, ossessivo nella sua ripetizione della figura umana in scultura, in Final Portrait (guarda la video recensione) è interpretato da Geoffrey Rush. E così via. L'arte visiva, quella dei dipinti che abbiamo studiato e dell'arte contemporanea che vediamo nei musei e nelle gallerie, è dunque uno spunto imprescindibile per il regista. Così come il cinema è una grande fonte per l'artista, che spesso non resiste e si cimenta in questa arte in movimento.

   

Altre news e collegamenti a Willem Dafoe »
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità