Dizionari del cinema
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
giovedì 24 gennaio 2019

Sandra Oh

La Cristina Yang di Grey's Anatomy

47 anni, 20 Luglio 1971 (Cancro), Nepean (Canada)
occhiello
...e un bel giorno tornerai ad essere felice
dal film Sotto il sole della Toscana (2004) Sandra Oh è Patti
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Sandra Oh
Golden Globes 2019
Nomination miglior attrice in una serie televisiva drammatica per il film Killing Eve di Jon East, Damon Thomas, Harry Bradbeer

Golden Globes 2019
Premio miglior attrice in una serie televisiva drammatica per il film Killing Eve di Jon East, Damon Thomas, Harry Bradbeer

Emmy Awards 2009
Nomination miglior attrice secondaria serie tv drammatica per il film Grey's Anatomy di Peter Horton, Tony Goldwyn, Adam Davidson, John David Coles, Scott Brazil, Darnell Martin, Sarah Pia Anderson, Wendey Stanzler

Emmy Awards 2008
Nomination miglior attrice secondaria serie tv drammatica per il film Grey's Anatomy di Peter Horton, Tony Goldwyn, Adam Davidson, John David Coles, Scott Brazil, Darnell Martin, Sarah Pia Anderson, Wendey Stanzler

Emmy Awards 2007
Nomination miglior attrice secondaria serie tv drammatica per il film Grey's Anatomy di Peter Horton, Tony Goldwyn, Adam Davidson, John David Coles, Scott Brazil, Darnell Martin, Sarah Pia Anderson, Wendey Stanzler

Emmy Awards 2006
Nomination miglior attrice secondaria serie tv drammatica per il film Grey's Anatomy di Peter Horton, Tony Goldwyn, Adam Davidson, John David Coles, Scott Brazil, Darnell Martin, Sarah Pia Anderson, Wendey Stanzler

Golden Globes 2006
Nomination miglior attrice secondaria serie miniserie film tv per il film Grey's Anatomy di Peter Horton, Tony Goldwyn, Adam Davidson, John David Coles, Scott Brazil, Darnell Martin, Sarah Pia Anderson, Wendey Stanzler

Golden Globes 2006
Premio miglior attrice secondaria serie miniserie film tv per il film Grey's Anatomy di Peter Horton, Tony Goldwyn, Adam Davidson, John David Coles, Scott Brazil, Darnell Martin, Sarah Pia Anderson, Wendey Stanzler



Ramona e Beezus

* * * - -
(mymonetro: 3,40)
Un film di Elizabeth Allen. Con Joey King, Selena Gomez, John Corbett, Bridget Moynahan, Ginnifer Goodwin.
continua»

Genere Commedia, - USA 2010. Uscita 11/03/2011.

Rabbit Hole

* * * - -
(mymonetro: 3,47)
Un film di John Cameron Mitchell. Con Nicole Kidman, Aaron Eckhart, Dianne Wiest, Tammy Blanchard, Miles Teller.
continua»

Genere Drammatico, - USA 2010. Uscita 11/02/2011.

Una voce nella notte

* * - - -
(mymonetro: 2,39)
Un film di Patrick Stettner. Con Robin Williams, Toni Collette, Bobby Cannavale, Rory Culkin, Sandra Oh.
continua»

Genere Thriller, - USA 2006. Uscita 12/01/2007.

Sideways - In viaggio con Jack

* * * 1/2 -
(mymonetro: 3,74)
Un film di Alexander Payne. Con Paul Giamatti, Virginia Madsen, Sandra Oh, Marylouise Burke, Jessica Hecht.
continua»

Genere Commedia, - USA 2004. Uscita 11/02/2005.

Pretty Princess

* * * - -
(mymonetro: 3,05)
Un film di Garry Marshall. Con Julie Andrews, Anne Hathaway, Hector Elizondo, Heather Matarazzo, Caroline Goodall.
continua»

Genere Comico, - USA 2001.
Filmografia di Sandra Oh »

martedì 15 gennaio 2019 - L'attrice vince Golden Globe e Critics' Choice Award per l'interpretazione dell'agente Eve Polastri nella serie creata da Phoebe Waller-Bridge, in esclusiva su TIMVISION.

La nuova alba di Sandra Oh, pluripremiata per Killing Eve

Alessandro Buttitta cinemanews

La nuova alba di Sandra Oh, pluripremiata per Killing Eve Non tutti i premi sono uguali. Lo sa bene Sandra Oh che, a distanza di tredici anni, ha conquistato un altro Golden Globe, stavolta come migliore attrice protagonista. Dal 2006 al 2019 è cambiata la tv, è cambiato il modo di approcciarsi alla serialità televisiva, è cambiato il pubblico, oggi decisamente più attento e smaliziato. Nel 2006, quando si impose sul palco del Beverly Hilton Hotel di Beverly Hills, a contenderle il titolo c'erano rispettabili attrici che rispondevano al nome di Candice Bergen ed Elizabeth Perkins. Erano i tempi di Grey's Anatomy, erano i tempi di Christina Yang, erano i tempi del set diviso giorno e notte con Ellen Pompeo, erano i tempi in cui un network come ABC dettava legge sulla tv generalista. Nel 2019, in un panorama assolutamente differente, rivoluzionato dall'avvento di servizi streaming come Netflix e Hulu, Sandra Oh ha potuto gioire davanti ai suoi genitori battendo la concorrenza di interpreti del calibro di Julia Roberts, Elisabeth Moss e Keri Russell. ? Il Golden Globe, finalmente in qualità di protagonista, è giunto per Killing Eve, tra le serie drammatiche più apprezzate degli ultimi anni, proposta in Italia in prima visione da TIMVISION. Un riconoscimento, importante e prestigioso, che conferma il talento dell'attrice canadese di origini coreane; un riconoscimento che certifica soprattutto come le sue scelte - lasciare la sicurezza del Seattle Grace Hospital per ricercare ruoli più complessi - siano state giuste e lungimiranti.

La strabiliante interpretazione nei panni dell'agente dell'MI5 Eve Polastri ha portato in dote altri premi. La Oh ha bissato con la statuetta come migliore attrice ai Critics' Choice Award 2019, mettendo d'accordo la stragrande maggioranza della critica televisiva a stelle e strisce.

Dopo questa storica doppietta, potrebbe arrivare un leggendario tris il 22 settembre 2019 quando si svolgerà la settantunesima edizione degli Emmy Awards. Prima però ci sarà l'occasione di vedere la seconda stagione di Killing Eve, il cui lancio è programmato su BBC America negli Stati Uniti il 7 aprile. A seguire, in primavera, la serie sarà disponibile in esclusiva sempre su TIMVISION.

lunedì 7 gennaio 2019 - Green Book è il film più premiato. Tra gli attori vincono Rami Malek e Christian Bale, e tra le attrici Glenn Close e Olivia Colman. Roma di Cuarón è il miglior film straniero e miglior regia.

Golden Globe 2019, doppio premio a Bohemian Rhapsody

Andrea Fornasiero cinemanews

Golden Globe 2019, doppio premio a Bohemian Rhapsody Numerosi i vincitori di una serata prevedibilmente dedicata alla rappresentazione delle minoranze. Su tutti trionfa Netflix, che ottiene quattro premi e mezzo (Bodyguard è una serie BBC che Netflix distribuisce in esclusiva fuori dal Regno Unito) e sfonda in categorie dove non si era mai avventurata: miglior serie comedy, miglior film straniero e miglior regia, grazie a The Kominsky Method di Chuck Lorre e soprattutto a Roma (guarda la video recensione) di Alfonso Cuarón. Tra i film quello con più premi è però stato Green Book di Peter Farrelly: miglior commedia, miglior non protagonista per Mahershala Ali e miglior sceneggiatura, firmata, tra gli altri, dal figlio reale del personaggio interpretato da Viggo Mortensen, che non ha vinto niente probabilmente per scontare un'uscita infelice di qualche mese fa, in cui gli è scappata "la parola che inizia per N". Possono ritenersi soddisfatti anche Bohemian Rhapsody (guarda la video recensione), che vince il premio più prestigioso, quello del miglior film drammatico, oltre a quello a Rami Malek come miglior protagonista in un dramma, e Spider-Man - Un nuovo universo (guarda la video recensione) che conquista il primo premio importante per la Sony Animations e a questo punto è un credibile candidato per sconfiggere la Disney agli Oscar. Si devono invece accontentare di un solo riconoscimento: La favorita con Olivia Colman miglior attrice in una commedia; Vice - L'uomo nell'ombra (guarda la video recensione) con Christian Bale, miglior attore in una commedia; A Star is Born (guarda la video recensione) per la miglior canzone, "Shallow", di Lady Gaga; Se la strada potesse parlare per Regina King migliore attrice non protagonista; First Man - Il primo uomo (guarda la video recensione) per la miglior colonna sonora firmata da Justin Hurwitz, già vincitore per La La Land (guarda la video recensione), e The Wife con Glenn Close miglior attrice drammatica, al suo primo Globe per un film dopo numerose nomination (e due vittorie per la serie Damages). A bocca asciutta invece BlackKklansman (guarda la video recensione) di Spike Lee, Black Panther (guarda la video recensione) di Ryan Coogler, Crazy & Rich e Il ritorno di Mary Poppins (guarda la video recensione): solo quattro titoli, che dimostrano come i premi siano stati spalmati su numerosi film senza assi pigliatutto.

Altre news e collegamenti a Sandra Oh »
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità