Dizionari del cinema
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
martedì 19 febbraio 2019

Denis Podalydès

Altri nomi: Denis Podalydès sociétaire de la Comédie-Française
55 anni, 22 Aprile 1963 (Toro), Versailles (Francia)
occhiello
"Un bambino è il germoglio dell'uomo che sarà!"
dal film Il primo uomo (2011) Denis Podalydès è Professeur Bernard
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Denis Podalydès
Cesar 2019
Nomination miglior attore non protagonista per il film Plaire, aimer et courir vite di Christophe Honoré

Cesar 2012
Nomination miglior attore per il film La Conquête di Xavier Durringer



Durringer firma un thriller politico sul Presidente francese.

La conquête, ascesa al potere di Nicolas Sarkozy

martedì 5 aprile 2011 - Marlen Vazzoler cinemanews

La conquête, ascesa al potere di Nicolas Sarkozy I presidenti, nostrani e stranieri, sono sempre stati figure che hanno saputo stuzzicare le menti di registi e sceneggiatori. Opere come Invictus (Nelson Mandela), Il Divo (Giulio Andreotti), Frost/Nixon (Richard Nixon) e The Queen (Tony Blair) sono solo alcuni degli esempi in cui queste figure sono state protratte al cinema. Anche il piccolo schermo non è stato con le mani in mano e ha creato delle piccole opere degne di nota aventi come protagonisti questi esponenti politici così odiati e amati. Tra gli esempi più famosi citiamo la miniserie della HBO su John Adams, il film per la tv I due presidenti (Tony Blair, Bill Clinton) e il telefilm West Wing, anche se in questo caso non sono state narrate le vicende di un presidente realmente esistito.
Nonostante si tratti di opere diverse fra loro, sia per format che per realizzazione, c'è una caratteristica che le accomuna: non sono mai state realizzate durante la carica del presidente di cui narravano le vicende.
Questo trend è stato interrotto per la prima volta nel 2008 quando, durante il secondo mandato di George W. Bush, Oliver Stone realizzò il controverso W., una pellicola autobiografica che narrava la storia dell'allora presidente degli Stati Uniti d'America. La seconda eccezione invece è ad opera del cineasta francese Xavier Durringer. La conquête è descritto come un thriller di stampo politico, che racconta con una serie di flashback l'ascesa al potere di Nicolas Sarkozy, la sua nomina a Presidente della Repubblica francese e la fine del suo matrimonio con Cécilia. La storia inizia il 27 aprile del 2002 quando l'allora presidente in carica Jacques Chirac rivelò a Sarkozy che non l'avrebbe nominato come suo primo ministro e si conclude il 7 maggio del 2007, il giorno in cui quest'ultimo vinse le elezioni. In questi anni Durringer analizza la relazione di Sarkozy con Chirac e Dominique de Villepin, la sua storia personale con Cécilia e il suo mandato come ministro degli affari interni. Come in The Queen, Podalydès ha cercato di essere il più preciso possibile nella ricostruzione storica di La conquête.

Il professore cambia scuola

* * * - -
(mymonetro: 3,17)
Un film di Olivier Ayache-Vidal. Con Denis Podalydès, Abdoulaye Diallo, Tabono Tandia, Pauline Huruguen, Alexis Moncorge.
continua»

Genere Commedia, - Francia 2017. Uscita 07/02/2019.

Un amore sopra le righe

* * * - -
(mymonetro: 3,25)
Un film di Nicolas Bedos. Con Doria Tillier, Nicolas Bedos, Denis Podalydès, Antoine Gouy, Christiane Millet.
continua»

Genere Drammatico, - Francia 2017. Uscita 15/03/2018.

La meccanica delle ombre

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,94)
Un film di Thomas Kruithof. Con François Cluzet, Denis Podalydès, Sami Bouajila, Simon Abkarian, Alba Rohrwacher
Genere Drammatico, - Francia 2016. Uscita 06/04/2017.

Il primo uomo

* * * 1/2 -
(mymonetro: 3,84)
Un film di Gianni Amelio. Con Jacques Gamblin, Catherine Sola, Maya Sansa, Denis Podalydès, Ulla Baugué.
continua»

Genere Drammatico, - Italia, Francia, Algeria 2011. Uscita 20/04/2012.

Caos calmo

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,59)
Un film di Antonello Grimaldi. Con Nanni Moretti, Valeria Golino, Alessandro Gassman, Isabella Ferrari, Blu Yoshimi.
continua»

Genere Drammatico, - Italia 2007. Uscita 08/02/2008.
Filmografia di Denis Podalydès »

giovedì 7 febbraio 2019 - Intervista al regista de Il professore cambia scuola, una commedia che restituisce fiducia agli allievi e coraggio agli insegnanti. Al cinema.

Olivier Ayache-Vidal: «Credo nella scuola che istruisce senza giudicare»

Marzia Gandolfi cinemanews

Olivier Ayache-Vidal: «Credo nella scuola che istruisce senza giudicare» Ambientato nelle banlieue di Parigi, Il professore cambia scuola (guarda la video recensione) fa avanzare il dibattito sul sistema scolastico, che sovente fatica a compiere la sua missione. Soprattutto nelle periferie delle città dove Olivier Ayache-Vidal piazza la macchina da presa al termine di uno studio approfondito sul territorio. L'idea al cuore del film è di confrontare i figli nati dall'immigrazione con la tradizione classica francese. Il mediatore è un professore 'blasonato' trasferito da un prestigioso liceo parigino in una scuola delle banlieue per un suggerimento supponente e azzardato. Il suo metodo, dopo l'iniziale spiazzamento, è di restituire agli allievi la propria dignità, trovare dei metodi alternativi per interessarli alla letteratura, preferire la perseveranza alla sistematicità del consiglio di disciplina. A Roma per presentare il suo film davanti agli studenti e ai loro professori, Olivier Ayache-Vidal ci racconta la sua visione della scuola e dell'insegnante, cavalcando l'onda di un cinema popolare riconciliatorio. Perché qualche volta la volontà di un professore può conciliare 'grandi spiriti' e "grandi testoni".

Diversamente da molti film americani, nel suo gli studenti non diventano brillanti da un giorno all'altro, non ci sono progressioni spettacolari. Dunque è possibile evitare i cliché del genere?
È possibile osservando la realtà, facendo esperienza diretta sul territorio. Sono stato due anni nella scuola in cui ho girato e in cui la storia si svolge. La situazione nelle scuole e nelle classi qualche volta è così complessa che sarebbe idiota risolverla con una bacchetta magica. Non esiste magia, non esistono ricette, a contare, a fare la differenza sono soltanto la perseveranza e la pazienza degli insegnanti. Certo non è facile ma io credo che sia comunque possibile. È vero, i progressi dei miei allievi non sono spettacolari perché non è così che funzionano le cose, sono piuttosto delle piccole gocce d'acqua, il principio di un fiume che impiegherà del tempo a formarsi.

Negli ultimi anni nelle sale francesi sono usciti diversi film che hanno per oggetto la scuola, penso a Una volta nella vita, A voce alta - La forza della parola (guarda la video recensione), La classe - Entre les murs. Mi spiega questa urgenza?
Non so dire se sia un'urgenza ma certamente è una questione complessa e delicata che sta molto a cuore ai francesi. Non ho i dati alla mano per dire se effettivamente la questione interessi più i francesi che gli altri paesi del mondo. Io credo che la scuola sia un tema che preoccupi tutto il mondo. Non ho fatto degli studi a riguardo e non so perché la società francese avverta l'esigenza di rappresentare tanto spesso il sistema educativo, penso che sia qualcosa che viene da lontano, dalla scuola pubblica. Per rispondere correttamente a questa domanda dovrei fare uno studio comparato tra diversi paesi. Con certezza posso dire quello che ho verificato personalmente col mio film. Sono stato invitato recentemente al festival di Lecce, dove ho incontrato dei professori che mi dicevano che quella sullo schermo era proprio la loro vita, che le cose nella (loro) realtà andavano esattamente così. In Perù, in Nigeria e in tutti gli altri posti dove sono stato col mio film, mi hanno detto tutti la stessa cosa. Ci sono tanti professori che non sanno come approcciare un allievo difficile, come restituirgli il gusto di apprendere.
Per me la cosa più importante a scuola è che il professore riesca a interessare l'allievo, non dovrebbero essere gli allievi a preoccuparsi di questo ma i professori. La regola vale anche per un regista, non deve essere il pubblico a preoccuparsi del film ma il regista a interessarlo col suo film. Non è colpa dello spettatore e non è nemmeno colpa degli studenti se la relazione non funziona. Bisogna cambiare il punto di vista, gli insegnanti devono domandarsi come rendere interessante la propria materia. Come appassionare i ragazzi all'italiano, alla letteratura francese, alla lingua tedesca....

Altre news e collegamenti a Denis Podalydès »
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità