Dizionari del cinema
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
sabato 17 novembre 2018

Cristina Donadio

Data nascita: 1960, Napoli (Italia)
Cristina Donadio

La parrucchiera

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,92)
Un film di Stefano Incerti. Con Massimiliano Gallo, Pina Turco, Cristina Donadio, Tony Tammaro, Lucianna De Falco.
continua»

Genere Commedia, - Italia 2017. Uscita 06/04/2017.

Aeffetto Domino

* * * - -
(mymonetro: 3,00)
Un film di Fabio Massa. Con Fabio Massa, Ivan Bacchi, Cristina Donadio, Pietro De Silva, Salvatore Cantalupo.
continua»

Genere Drammatico, - Italia 2016. Uscita 16/03/2017.

L'era legale

* * * - -
(mymonetro: 3,18)
Un film di Enrico Caria. Con Patrizio Rispo, Cristina Donadio, Rita Corrado, Pietro De Silva, Isabella Rossellini.
continua»

Genere Documentario, - Italia 2011. Uscita 13/01/2012.

I buchi neri

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,65)
Un film di Pappi Corsicato. Con Iaia Forte, Vincenzo Peluso, Marinella Anaclerio, Manuela Arcuri.
continua»

Genere Fantastico, - Italia 1995.

La pelle

* * * - -
(mymonetro: 3,27)
Un film di Liliana Cavani. Con Claudia Cardinale, Marcello Mastroianni, Burt Lancaster, Marta Bifano, Ken Marshall.
continua»

Genere Drammatico, - Italia 1981.
Filmografia di Cristina Donadio »

venerd 2 novembre 2018 - Pluripremiato al Tokyo Film Festival, un film che sa convincere.

Coerenza, maturit, tenacia: il vizio della speranza, l'Italia che piace all'estero

Claudia Catalli cinemanews

Coerenza, maturit, tenacia: il vizio della speranza, l'Italia che piace all'estero Ha appena vinto il primo premio come miglior regia al Tokyo International Film Festival, che ha riconosciuto come miglior interprete anche la sua protagonista Pina Turco. Una vittoria che consolida il premio del pubblico ricevuto di recente alla tredicesima edizione della Festa del cinema di Roma e che spazza via ogni dubbio: Il vizio della speranza un film che sa convincere. Prima ancora delle giurie, i selezionatori dei festival internazionali che, da Toronto a Londra, passando appunto per Tokyo, lo hanno fortemente voluto.
Prima riflessione, doverosa: non affatto comune, per un autore del '78 - e per un regista italiano che non si chiami Garrone o Sorrentino - ricevere tutta questa attenzione a livello internazionale. Se la forza di un regista sta nel rimanere coerente con la sua concezione di cinema, De Angelis ha dimostrato ampiamente non solo di avere un suo stile ormai maturo e riconoscibile, ma di voler insistere nel raccontare gli ultimi che non si arrendono al proprio destino - le gemelle di Indivisibili, come Maria di Il vizio della speranza.
Pina Turco dona a Maria un'aurea di grazia e maturit, rendendo profondamente credibile con il suo volto inquieto un personaggio borderline: al servizio di una malavitosa ingioiellata, la Caronte di un commercio illegale di bambini nella terra di nessuno. Dove dormire per sempre, come recita Cristina Donadio in una battuta memorabile, si configura come il sogno pi desiderabile. Immettendosi sulla scia dei grandi cineasti contemporanei - su tutti Alfonso Cuarn, che con il suo Roma ha scelto di raccontare le (dis)avventure quotidiane ed emotive della sua tata - De Angelis continua a firmare opere che non risentono delle mode del momento e non si fanno influenzare dalle tendenze. Sceglie generalmente attori lontani dal mainstream ma vicini alla verit delle storie che mette in scena (fatta eccezione per Luisa Ranieri e Luca Zingaretti, protagonisti rispettivamente di Mozzarella Stories e Perez., immessi tuttavia in contesti e situazioni decisamente lontani da quelli in cui siamo abituati a vederli muovere). Punta su volti di attrici magnetiche e poco conosciute, capaci di restituire tutta la forza vitale di personaggi mai facili, mai descrivibili in una riga, sempre profondamente stratificati a livello psicologico ed emotivo. Maria di Il vizio della speranza lo senz'altro: nata figlia di una madre sconfitta, di un sistema malato e di una societ che la confina all'ultimo gradino, una donna che prova a ribellarsi, alzare la testa, gridare al mondo la sua esistenza. Tra baracche fetide e pescherecci che sanno di stantio - c' film pi riuscito di quello che riesce a evocare gli odori? - si aggira con la grazia di chi realizza che un nuovo mondo (ancora) possibile. Un inno alla vita che diventa metaforico dentro una capanna, e universale per chi, insieme alla protagonista, da qualunque parte del mondo scelga di guardare con speranza l'orizzonte.

   

marted 23 ottobre 2018 - Il regista racconta con Pina Turco il suo nuovo lavoro, in Concorso alla Festa del Cinema di Roma e dal 22 novembre al cinema.

Edoardo De Angelis: Il vizio della speranza un film sulla riconciliazione

Paola Casella cinemanews

Edoardo De Angelis: Il vizio della speranza  un film sulla riconciliazione Lungo il fiume scorre il tempo di Maria, il cappuccio sulla testa e il passo risoluto. Un'esistenza trascorsa un giorno alla volta, senza sogni n desideri, a prendersi cura di sua madre e al servizio di una madame ingioiellata. Insieme al suo pitbull dagli occhi coraggiosi Maria traghetta sul fiume donne incinte, in quello che sembra un purgatorio senza fine. proprio a questa donna che la speranza un giorno torner a far visita, nella sua forma pi ancestrale e potente, miracolosa come la vita stessa. Perch restare umani da sempre la pi grande delle rivoluzioni. " difficile riconciliarsi con una parte di se stessi almeno quando lo separarsi, perch si presuppone una forma di accettazione di qualcosa che fallato. Per questo fallo siamo sempre noi. E questo fallo il punto di partenza di una trasformazione. Un cambiamento che non un colpo di spugna ma una trasformazione dove siamo noi che ci muoviamo da un punto all'altro". Edoardo De Angelis, regista Diretto da Edoardo De Angelis e presentato in Concorso alla Festa del Cinema di Roma, Il vizio della speranza sar al cinema dal prossimo 22 novembre. Nel cast, oltre a Pina Turco, interprete di Maria, troviamo anche Massimiliano Rossi,Marina Confalone,Cristina Donadio eOdette Gomis.

mercoled 3 ottobre 2018 - Maria non ha sogni n desideri, vive e basta. Finch un giorno la speranza torner a farle visita nella sua forma pi ancestrale e potente. Dal 22 novembre al cinema.

Il vizio della speranza, il poster ufficiale del film

a cura della redazione cinemanews

Il vizio della speranza, il poster ufficiale del film Lungo il fiume scorre il tempo di Maria, il cappuccio sulla testa e il passo risoluto. Un'esistenza trascorsa un giorno alla volta, senza sogni n desideri, a prendersi cura di sua madre e al servizio di una madame ingioiellata. Insieme al suo pitbull dagli occhi coraggiosi Maria traghetta sul fiume donne incinte, in quello che sembra un purgatorio senza fine. proprio a questa donna che la speranza un giorno torner a far visita, nella sua forma pi ancestrale e potente, miracolosa come la vita stessa. Perch restare umani da sempre la pi grande delle rivoluzioni. Il vizio della speranza sar presentato in anteprima alla Festa del Cinema di Roma 2018 (18/28 ottobre), nella sezione Selezione ufficiale. Diretto da Edoardo De Angelis, Il vizio della speranza - di cui presentiamo in anteprima il poster ufficiale - sar al cinema da gioved 22 novembre, distribuito da Medusa. Nel cast, tra gli altri, troviamo Pina Turco,Massimiliano Rossi,Marina Confalone,Cristina Donadio eMarcello Romolo. La sceneggiatura firmata dallo stesso De Angelis con Umberto Contarello.

   

Altre news e collegamenti a Cristina Donadio »
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità