The Queen - La regina

Film 2006 | Biografico +13 100 min.

Titolo originaleThe Queen
Anno2006
GenereBiografico
ProduzioneGran Bretagna
Durata100 minuti
Regia diStephen Frears
AttoriHelen Mirren, Michael Sheen, James Cromwell, Sylvia Syms, Alex Jennings, Helen McCrory .
Uscitavenerdì 15 settembre 2006
TagDa vedere 2006
DistribuzioneBim Distribuzione
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,65 su 58 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Stephen Frears. Un film Da vedere 2006 con Helen Mirren, Michael Sheen, James Cromwell, Sylvia Syms, Alex Jennings, Helen McCrory. Titolo originale: The Queen. Genere Biografico - Gran Bretagna, 2006, durata 100 minuti. Uscita cinema venerdì 15 settembre 2006 distribuito da Bim Distribuzione. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,65 su 58 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi The Queen - La regina tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Il primo ministro Tony Blair e la Regina Elisabetta II, dopo la morte della Principessa Diana. Il film ha ottenuto 5 candidature e vinto un premio ai Premi Oscar, Il film è stato premiato al Festival di Venezia, 4 candidature e vinto 2 Golden Globes, In Italia al Box Office The Queen - La regina ha incassato 2 milioni di euro .

The Queen - La regina è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
3,65/5
MYMOVIES 3,75
CRITICA 3,74
PUBBLICO 3,16
CONSIGLIATO SÌ
Tra fiction e immagini di repertorio, il ritratto della sovrana di Helen Mirren è puntuale e profondamente commovente nello sguardo turbato sull'ultimo applauso a Diana.
Recensione di Marzia Gandolfi
sabato 2 settembre 2006
Recensione di Marzia Gandolfi
sabato 2 settembre 2006

La morte improvvisa della Principessa Diana, nell'agosto del 1997, lascia costernato il popolo britannico e attonita la famiglia reale. La tragedia non manca di coinvolgere, emotivamente e politicamente, il governo inglese e il neoeletto Primo Ministro Tony Blair. La separazione dal Principe Carlo, la controversa storia con Dodi Al Fayed, l'incidente mortale che spegne Diana in un tunnel di Parigi mettono a dura prova il protocollo "di corte". Elisabetta II, erede della tradizione vittoriana, incapace di gestire la vita pubblica di Diana, mostra un identico imbarazzo nel gestirne la dipartita. Il rifiuto della Regina di esibire la bandiera a mezzasta sopra i salotti di Buckingham Palace, di dichiarare pubblicamente il proprio cordoglio e la fuga nel castello scozzese di Balmoral, mettono a dura prova la sua popolarità. L'intervento di Blair e la volontà della Regina di comprendere e contenere la reazione degli inglesi al lutto, condurranno ai funerali pubblici di Diana e al ritrovato consenso di Sua Altezza Reale.
Immediatamente dopo Mrs Henderson Presenta, Stephen Frears torna a riferirci di una Signora, anche lei di sangue blu ma decisamente meno flessibile e mondana: Elisabetta II, Regina degli inglesi e suocera della defunta Principessa Diana. Con un gusto tutto english e una grazia tutta sua, Frears coglie la relazione tra la Regina e la Principessa nel momento del collasso. L'assenza di Diana conferma tutta la difficoltà emotiva di Elisabetta, congelata nella tradizione e incapace di intuire la portata emozionale degli eventi che, suo malgrado, accendono di nuovo i riflettori dei media sulla reale famiglia. Diana fu davvero la "principessa del popolo", amata e adorata perchè sempre esibita. Elisabetta è al contrario implosa, nobilmente riluttante all'esibizione del sentimento. Il regista inglese le fa incontrare e dialogare tra fiction e immagini di repertorio, al di là dei protocolli e della stampa sciacalla, che non risparmiò di cavalcare il sentimento anti-monarchico che agitava i cuori inglesi all'indomani della morte di Diana. A garantire il futuro della famiglia reale Frears introduce Tony Blair, un autentico gentleman progressista in grado di cogliere il cordoglio della sua nazione e il desiderio di esprimerlo pubblicamente. Ma il Primo Ministro, almeno quello di Frears, intuisce pure la bellezza della modernità di Diana e allo stesso tempo l'istituzionalità del conservatorismo di Elisabetta. Il ritratto della sovrana di Helen Mirren è puntuale e profondamente commovente nello sguardo turbato sull'ultimo applauso a Diana. A Diana che rilancia da un inserto di repertorio la sua sfida democratica al vecchio mondo.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
THE QUEEN - LA REGINA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
TIMVISION
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 12 agosto 2010
f.vassia 81

La drammatica morte di Diana è stata quasi sempre affrontata come un fenomeno di costume, spesso dando spazio a illazioni e pettegolezzi da rotocalco gossipparo; Frears sembra voler invece capire il peso che quell'evento ha avuto nella storia della Gran Bretagna, ma la cosa che meglio gli è riuscita è il tratteggio sfaccettato ( e non unilaterale ) della regina: una sovrana [...] Vai alla recensione »

venerdì 13 gennaio 2017
catcarlo

Dedicato alla ricostruzione di quanto accadde fra i Windsor nella settimana successiva alla morte di Diana Spencer, il film è innanzitutto una sublime prova d’attrice, genere in cui Frears si è andato specializzando poi negli anni mettendo a punto splendidi veicoli per Judi Dench e Meryl Streep. Qui Helen Mirren raggiunge uno dei vertici della sua carriera ricostruendo i tormenti [...] Vai alla recensione »

venerdì 4 aprile 2014
Giorpost

Gli individui associano spesso le varie fasi della propria vita ad eventi particolarmente rilevanti che periodicamente accadono in giro per il globo. La morte della principessa Diana è stato, senza ombra di dubbio, uno di questi, a prescindere dal gradimento e dalle simpatie che ogn’ uno di noi possa aver nutrito per il personaggio.   Stephen Frears è uno di quei registi [...] Vai alla recensione »

martedì 26 aprile 2016
Barolo

Ritratto senza indulgenze, della Regina Elisabetta II,a tutt'oggi ancora sul trono a 90 anni suonati.Il periodo preso in considerazione dal film è quello della morte di Lady Diana,forse il più buio per la monarchia britannica, che vide momentaneamente appannarsi l'affezione millenaria per l'istituzione da parte del popolo.

mercoledì 22 febbraio 2012
SovietSniper762

Regina di premi? Regina d'Ipocrisia, semmai! Scrivendo questa recensione mi immagino già i cursori puntati sul NO, ma io, da buon libero pensatore controcorrente mi sento in dovere di scrivere queste righe. Il sitema monarchico inglese è una cosa che dovrebbe essere ormai estinta da secoli, perfino noi italiani, che siamo sempre in ritardo su tutto abbiamo cacciato via [...] Vai alla recensione »

martedì 10 marzo 2015
il befe

bello

martedì 10 marzo 2015
il befe

ok

martedì 26 giugno 2012
Diego Campari

Racconto, con intermezzi di spezzoni reali e simil reali, della gestione da parte della reale famiglia britannica della spinosa questione della morte di Lady D e dell'intercedere nella questione di Tony Blair a rappresentanza del popolo. E proprio su questo dualismo, regina-primo ministro, potere temporale e potere per ordine divino, che mi sembra si giochi questo interessante lungometraggio.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Silvestri
Il Manifesto

Anarchy in U.k., profetizzarono i Sex Pistols. Se la regina Elisabetta II d'Inghilterra, la notte del 20 luglio 1981, avesse osservato tra la folla sterminata l'effetto che il cielo sopra Hyde Park stava producendo sui volti incantati e ormai mutanti dei suoi sudditi, e di un miliardo di extra commonwelthiani collegati in mondovisione, non solo si sarebbe congratulata in maniera speciale con l'autore [...] Vai alla recensione »

Alberto Crespi
L'Unità

Se gli avvocati che, secondo voci poi smentite, la Casa Reale di Londra minacciava di spedire a visionare The Queen, se erano davvero al Lido erano ben mimetizzati. A Venezia gli unici inglesi riconoscibili sono gli inviati dei tabloid, molto Incuriositi da un film che in Gran Bretagna sarà ovviamente un caso politico. The Queen racconta la drammatica settimana successiva alla morte di Lady Diana, [...] Vai alla recensione »

Gian Luigi Rondi
Il Tempo

L'argomento sono le reazioni della Regina e della Famiglia Reale alla morte della Principessa Diana e all'immenso, inatteso cordoglio di tutto il pubblico britannico e presto del mondo intero. I protocolli e il volontario allontanamento dai Reali da parte di Diana indurrebbero la Regina (d'accordo con lei il Principe Filippo e la Regina Madre, in contrasto il Principe Carlo) a non lasciare Balmoral [...] Vai alla recensione »

Lietta Tornabuoni
La Stampa

Lady D., Diana ex principessa di Galles, morì a Parigi alla fine d'agosto 1997 d'una morte ancora molto ambigua (incidente, assassinio?), ebbe in Inghilterra pochi giorni dopo un immenso funerale popolare, testimonianza dell'affetto della gente per lei. Quella fu una settimana terribile per la famiglia reale inglese. Erano tutti in vacanza nella tenuta scozzese di Balmoral: non avevano voglia di muoversi, [...] Vai alla recensione »

Valerio Caprara
Il Mattino

The Queen ricostruisce i giorni che seguirono la morte di Lady Diana il 31 agosto del 1997, quattro mesi dopo che il giovane Blair ha riportato il partito laburista al numero 10 di Downing Street. Alternando finzione e immagini di repertorio, Frears tratteggiava un ritratto sorprendente, intimo e spassoso dei Windsor all'acme di una storica crisi di credibilità e dello stesso neoleader.

Valerio Caprara
Il Mattino

Molto meno donchisciottesco di Oliver Stone, Stephen Frears dovrebbe schivare gli infidi umori festivalieri. Con il raffinato, irriverente e ammiccante The Queen riesce, infatti, a fornire un assist a Tony Blair in un momento in cui il suo gradimento pubblico è ai minimi storici: poco meno di un peccato mortale per il giovanottismo che considera il primo ministro inglese un lacché del baubau Bush. Vai alla recensione »

Natalia Aspesi
La Repubblica

L'ottantenne Regina Elisabetta, pur dalla sua aristocratica lontananza, potrebbe sentirsi lusingata, il principe Carlo, sbiadito ormai dalle cronache in quanto felicemente accasato, potrebbe raccattare un po' di nostalgica simpatia, il sempre meno amato primo ministro Tony Blair potrebbe ricevere un giovamento elettorale nel ricordo di quanto neppure dieci anni fa fosse giovane e vincente e amato: [...] Vai alla recensione »

Dario Zonta
L'Unità

Fresco di anticipazione veneziana (e, prima dei premi, era uno dei candidati più forti per il Leone d'Oro) arriva l'efficace ritratto della vita reale inglese proposto dal caustico regista inglese Sthepen Frears. La Regina Elisabetta è interpretata dalla meravigliosa Helen Mirren (meritata Coppa Volpi al iido, niccontata nella sua incapacità a comprendere il significato della illoote di Lady Diana [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
La Repubblica

Che gran film è The Queen! Se avesse vinto il Leone doro a Venezia, non sarebbe stato difficile scrivere le motivazioni del verdetto: per l'acuta intelligenza storica; per il raffinato equilibrio di umorismo e dramma; per l'eccezionale capacità di rappresentazione psicologica dei personaggi. Nella settimana che intercorre tra la morte della principessa Diana e le dichiarazioni ufficiali della Corona, [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Dio salvi Stephen Frears. Solo un inglese come lui, rotto a tutti i generi (cinema e tv, in patria e a Hollywood, ad alto e a basso costo) poteva riuscire un'operazione spregiudicata come quella di The Queen. Che nei trailer sembra un docu-drama pettegolo sui reali inglesi, mentre in realtà, come ogni film sofisticato e popolare insieme, è molto di più.

Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Se Helen Mirren alla Mostra di Venezia non avesse avuto la coppa Volpi come migliore attrice eravamo pronti a incatenarci alle transenne. O a rubare i leoni di Dante Ferretti che da anni stanno in mostra davanti al palazzo del cinema, con la pioggia e con il vento, rimettendoli in libertà come fa il Fronte di Liberazione apposito con i nanetti da giardino.

Gloria Satta
Il Messaggero

Altro che lesa maestà. Elisabetta d'Inghilterra dovrebbe farlo baronetto, Stephen Frears, il regista di The Queen che ieri ha mandato in delirio la Mostra, con oltre cinque minuti di standing ovation. Nessuno scandalo, niente rivelazioni-choc sulla morte di Lady Diana: il film è l'omaggio intelligente di un suddito innamorato ma anche un ritratto privato, molto divertente, della signora che da oltre [...] Vai alla recensione »

Roberto Silvestri
Il Manifesto

Se la regina Elisabetta II d'Inghilterra, la notte del 20 luglio 1981, avesse osservato tra la folla sterminata l'effetto che il cielo sopra Hyde Park stava producendo sui volti incantati e ormai mutanti dei suoi sudditi, non solo si sarebbe congratulata in maniera speciale con l'autore di quegli interminabili fuochi d'artificio, ma avrebbe gestito meglio, con altro senso dell'istituzione «sacra», [...] Vai alla recensione »

Alessandra De Luca
Ciak

La tentazione era troppo forte. Raccontare cosa accadde nella Corte inglese all'indomani dell'incidente automobilistico che uccise Lady Diana, ancora più pericolosa da morta che da viva. Mostrare insomma i retroscena, veri e presunti, di una settimana di passione capace di scuotere le fondamenta della monarchia britannica. A raccogliere la sfida è Stephen Frears, già autore di The Deal, film tv sull'ascesa [...] Vai alla recensione »

Maurizio Cabona
Il Giornale

Inadeguata come moglie dell'erede al trono d'Inghilterra, adeguata come icona dello star system, Lady Diana è morta il 30 agosto 1997. Era appena cominciata la Mostra di Venezia di allora e lei - giovane e bella - venne laicamente santificata da tv e stampa popolare, ai quali negli anni precedenti aveva dato tante occasioni di prosperare. Più lei dava loro in pasto la sua vita intima, ripicche verso [...] Vai alla recensione »

Emanuela Martini
Film TV

C'è una regina che porta scarpe pesanti da campagna e un foulard legato intorno ai capelli e che, se s'impantana con l'auto contro una roccia in mezzo a un torrente, sa benissimo che le si è rotto il semiasse anteriore perché da ragazza, durante la guerra, faceva il meccanico. È regina da più di cinquant'anni, tutta d'un pezzo. impenetrabile, con l'immancabile borsetta agganciata al braccio e una famiglia [...] Vai alla recensione »

Lietta Tornabuoni
La Stampa

«Questa gente vuole solo glamour e lacrime», è il giudizio sprezzante ma esatto sul dolore di milioni di persone che in tutto il mondo, ma soprattutto in Inghilterra, accompagnò la morte della principessa Diana a Parigi nell'agosto 1997. In The Queen (in concorso), Stephen Frears usa questo evento luttuoso per mettere a confronto il conservatorismo della regina d'Inghilterra, della famiglia reale, [...] Vai alla recensione »

NEWS
CELEBRITIES
giovedì 19 febbraio 2009
Stefano Cocci

Le donne del momento C'è quella che l'Oscar l'ha vinto ed ora ne raccoglie i frutti; chi l'ha sfiorato e continua ad impegnarsi in ruoli difficili; chi ha sempre fatto a pugni con l'impegno preferendo la commedia disincantata e chi, invece, vive in bilico [...]

NEWS
mercoledì 17 dicembre 2008
Stefano Lo Verme

Tony Blair al cinema Il commediografo Peter Morgan, autore dell'acclamato film The Queen, ha in programma la realizzazione di un terzo capitolo cinematografico dedicato alla carriera politica del Primo Ministro inglese Tony Blair.

winner
miglior attrice
Premio Oscar
2007
winner
coppa volpi migliore int. femminile
Festival di Venezia
2006
winner
osella per la migliore scenegg.ra
Festival di Venezia
2006
winner
miglior scenegg.ra
Golden Globes
2007
winner
miglior attrice in un film dram.co
Golden Globes
2007
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati