Diary of the Dead - Le cronache dei morti viventi

Film 2007 | Horror 95 min.

Regia di George A. Romero. Un film Da vedere 2007 con Michelle Morgan, Joshua Close, Shawn Roberts, Amy Ciupak Lalonde, Joe Dinicol. Cast completo Genere Horror - USA, 2007, durata 95 minuti. Uscita cinema venerdì 30 ottobre 2009 distribuito da Minerva Pictures Group. - MYmonetro 3,07 su 45 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Diary of the Dead - Le cronache dei morti viventi tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

In Italia al Box Office Diary of the Dead - Le cronache dei morti viventi ha incassato 754 .

Diary of the Dead - Le cronache dei morti viventi è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,07/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,85
CONSIGLIATO SÌ
Recensione di Rudy Salvagnini
Recensione di Rudy Salvagnini

Alla Mostra del Cinema di Venezia del 2009, George A. Romero ha presentato il film Survival of the Dead, il sesto di una personalissima saga sugli zombie che, iniziata nel 1968 con il fondamentale La notte dei morti viventi, ha cambiato per sempre il cinema horror. Sulla scia dell'interesse suscitato, esce finalmente anche in Italia il precedente film di Romero, Diary of the Dead, che ancora una volta racconta le vicende di un mondo devastato dal ritorno in vita dei morti.
Con l'aiuto della fidanzata Debra (Michelle Morgan) e di altri amici, Jason Creed (Josh Close) sta girando in un bosco gli esterni per un film horror universitario sotto la supervisione del suo professore, Andrew Maxwell (Scott Wentworth). Lì, il gruppo è raggiunto dalla notizia che i morti hanno ripreso a vivere e danno la caccia ai vivi, per divorarli. Senza una chiara visione delle cose, in un mondo che si è fatto improvvisamente caotico e ostile, i ragazzi e il professore saltano su un camper e si dirigono alle case delle proprie famiglie, alla ricerca futile di una normalità ormai perduta per sempre.
Dopo l'interessante La terra dei morti viventi, Romero riprende il tema degli zombie riportandolo alle origini, in una sorta di visione alternativa delle situazioni alla base de La notte dei morti viventi. In un curioso tentativo di "finto" cinéma vérité, il film è presentato come l'assemblaggio - compiuto da Debra - dei filmati con cui Jason ha cercato di raccontare la nuova realtà. Debra ha dato una forma minimale al suo montaggio, attribuendogli un titolo significativo: The Death of Death, la morte della morte. Così Romero affronta il tema principale del film: l'informazione, mostrando da un lato le manipolazioni dei media ufficiali e dall'altro la problematica democratizzazione e polverizzazione dell'informazione stessa ai tempi di internet, quando chiunque ha una videocamera per riprendere ciò che vede e un computer per trasmettere la propria testimonianza. Le informazioni false contro l'eccesso di informazioni.
Più che cercare angolature totalmente nuove, Romero si dedica quindi ad approfondire elementi già accennati (soprattutto ne La notte dei morti viventi e in Zombi). Ulteriore testimonianza polemica di come possa subitaneamente collassare una società che si regge sulle ingiustizie e su fragili equilibri, il film è un po' condizionato dalla sua forma insolita che spinge Romero a un eccesso di verbosità e a qualche ripetizione, con diversi soliloqui a spiegare ciò che è già chiaro. Rimane comunque un'opera più che valida che testimonia la costante attualità del lavoro di Romero, capace di piazzare diverse sequenze molto riuscite anche a livello della creazione della suspense (il ritorno a casa di Debra su tutte) e di tratteggiare personaggi insoliti e azzeccati, come l'Amish sordo e intraprendente. Purtroppo la potenziale novità dello schema narrativo è stata danneggiata dal similare approccio coincidentalmente adottato dal contemporaneo Rec e dal di poco successivo Cloverfield, entrambi di maggior successo commerciale. Ma questo ritorno al cinema indipendente ha comunque aperto una nuova e promettente fase della carriera di Romero, un ritorno alle origini che sembra aver portato nuova linfa creativa.

Sei d'accordo con Rudy Salvagnini?
DIARY OF THE DEAD - LE CRONACHE DEI MORTI VIVENTI
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€7,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 9 febbraio 2017
laurence316

A 67 anni suonati Romero non ha perso nulla di quella sua straordinaria abilità di coniugare suspense, horror e satira sociale. Diary of the Dead è infatti tra i migliori risultati del regista. Nel suo 5° film dedicato ai morti viventi, Romero, dopo aver mostrato con ottimi risultati nei film precedenti gli effetti del contagio nel lungo periodo, quando ormai il mondo e l'umanit&agr [...] Vai alla recensione »

venerdì 5 novembre 2010
Nino Pell.

Col quarto capitolo sugli zombi, Romero recupera la favolosa naturalezza dei suoi esordi riportandola però all'evoluzione tecnologica e sociale dei tempi moderni.  Nel primo film del '68 il regista rivolgeva le sue tematiche alla rivoluzione sociale di quel periodo e al monito nei riguardi degli aspetti negativi delle allora scoperte nucleari e scientifiche.

domenica 26 settembre 2010
jivan17

Nulla che dire, Romero conferma la sua bravura nell'intrattenere il pubblico con film horror che trattano gli zombie. La storia pur semplice risulta molto bella e piacevole e tutto scorre com un bicchier d'acqua. Ogni personaggio è al suo posto, ogni scena d'azione è ripresa in modo egregio, le musiche risaltano l'andamento degli avvenimenti e fanno da buon sottofondo nei momenti di riflessione.

venerdì 11 dicembre 2009
wynorski guiaz '80s

In un Mondo ormai globalizzato e dove le tecnologie sono la base per la vita degli uomini, una misteriosa epidemia psichica(così si dice) riporta in vita i morti, trasformandoli in zombie assetati di carne umana. A farne le spese, tutta la popolazione Mondiale. La vicenda viene raccontata da un montaggio di alcuni ragazzi protagonisti di un'odissea dove regnano morte e caos.

domenica 2 febbraio 2014
APropositodiCinema

Quinto film della tetralogia dei morti viventi di George A Romero. Il film è girato interamente con telecamere a mano usate dai personaggi e attraverso le nuove tecnologie odierne Romero continua la sua critica alla società; i mezzi di informazione odierni sono manipolati da tutti e tutti li possono ussare per raccontare storie e per far credere alle persone quello che si vuole far credere. [...] Vai alla recensione »

mercoledì 29 agosto 2012
superavenger99

Leggo nelle recensioni negative, cose che non hanno senso, come si fa a criticare questo ottimo film per poi tessere le lodi a film ORRIBILI tipo la maschera di cera, vacancy, orphanage, e il bruttissimo remake de l'alba dei morti viventi, della serie guarda come ti rovino un capolavoro (ZOMBI). non ci siamo guardatevi i film di Nanni Moretti ,fanno per voi.

domenica 10 gennaio 2010
Malaussène

Dopo la Terra dei morti viventi sembrava che Romero avesse esaurito tutte le carte da giocare, e che oramai i morti viventi fossero giunti al capolinea. Questo film a mio avviso dimostra invece che il filone è ancora vitale, purchè ci sia una solida regia a sorreggerlo. Solida regia che mancava nel precedente film zombesco, che si perdeva negli effetti speciali e lasciava trasparire una [...] Vai alla recensione »

mercoledì 3 novembre 2010
nick castle

Nell'era del cinema sull'onda di "The Blair Witch Project", Romero si adegua ai tempi, e gira a macchina a mano in digitale, donando al film l'aspetto di un filmato amatoriale, usando l'escamotage di più telecamere in scena per il montaggio. L'adeguamento ai tempi di Romero, si unisce al re-inizio della storia, riportando agli inizi l'esplosione del contagio, [...] Vai alla recensione »

domenica 5 aprile 2009
Fluturnenia

Che questo film nn sia il meglio che da Romero ci si potesse aspettare è fuor dubbio ma l'idea del film nel film (cosa tra l'altro assolutamente nn originale, se ne possono nominare diversi di film similari) è proprio quello che permette alla pellicola di farsi guardare senza troppi sbadigli. Certo la prima cosa che viene in mente e pensare che il regista sia caduto nella trappola, più o meno consapevolment [...] Vai alla recensione »

sabato 17 luglio 2010
Mr.Duff

Solito film sugli zombie visto e rivisto. La novità stà nella ripresa, ma tanto novità in effetti non è! basta pensare a Rec o a The Blair Witch Project. Attori poco credibili ad eccezione di Michelle Morgan che ho trovato interessante (mi ha ricordo Eliza Dusku)Protagonisti poco reali, non si dispiaccino per niente delle morti degli amici o non proprovo un minimo di trauma x cio ke stanno vivendo. Come [...] Vai alla recensione »

mercoledì 28 ottobre 2009
franklash

bellissimo film!! peccato che l'ho visto con i sottotitoli in italiano =( ma lo stesso rimane un film ottimo da vedere!

venerdì 24 luglio 2009
WANKER

l'italia è veramente il fanalino di coda dell'europa: da noi il film non è stato nè doppiato nè distribuito; un vero scandalo se si pensa alle pellicole orribili ed imbarazzanti che sono nei nostri cinema ed in videoteca. detesto scaricare i film, ma questo è stato l'unico modo per vedere "diary of the dead", che ho trovato almeno con sottotitoli in italiano.

lunedì 2 novembre 2009
hogenback

Io sono un amante del genere. E trovo veramente indecente come mai tale film e' pubblicato solo in un cinema in tutta italia.E' veramente una vergogna!!!!!! Gianni.

mercoledì 16 settembre 2009
Daniele_85

E' un peccato che questa pellicola non sia stata commercializzata in Italia, ma sfruttando Internet è comunque facile rintracciare versioni originali con sottotitoli in italiano. Romero mostra la sorprendente capacità di realizzare film sempre belli e coinvolgenti pur ruotando costantemente attorno allo stesso episodio di riferimento (i morti che si risvegliano e sterminano i viventi).

domenica 24 maggio 2009
plutosky609

visto in lingua inglese ma con romero nn ci sono problemi...

venerdì 6 novembre 2009
gladio

COME POTETE NON PROIETTARE UN COSì PIACEVOLE FILM A TANTI APPASSIONATI DEL GENERE HORRORO METTENDOLO SOLTANTO IN POKE SALE,,E POI ENTRANDO NEL SITO SI VEDE UNA PICCOLISSIMA PERCENTUALE DEL PUBBLICO,,PARE KE LO FACCIATE A POSTA A NON PROIETTARLO IN TUTTE LE SALE CINEMATOGRAFICHE QUANDO POI MI METTETE QUEI SOLITI STUPIDI FIL ALL ITALIANA CHE NON GUARDEREI NEANKE SE MI PAGATE.

venerdì 11 luglio 2014
stuff

da evitare

mercoledì 8 settembre 2010
torturporn

è difficile che un film horror riesca a mettermi paura Romero ci è riuscito, non con i morti viventi che azzannao inseguono o sbucano da angoli scuri, ma con le agghiaccianti verità di cui parla servendosi di questo espediente, il fatto che l'informazione può essere fatta da chiunque rendendo la realtà una cosa quasi effimera, i sovraccarico di informazioni portano [...] Vai alla recensione »

venerdì 6 novembre 2009
gladio

UN ALTRO BEL FIM DI CUI IN ITALIA ANCORA NON è ETATO PROIETTATO E : THE DAY OF THE DEAD...LO HANNO DATO IN TUTTO IL MONDO , MA QUI ANCORA NON è STSTO PROIETTATO.

mercoledì 9 novembre 2016
etabeta

questo utilizzo stupido, se mi consentite, della telecamera?? Purtroppo mi sono rifiutato di vederlo il film, perchè mi procura mal di testa.. Ma questo è cinema?? :-(

domenica 19 settembre 2010
LUCIDO71

Seconda stella premiata giusto x l'innovazione delle riprese (anche se quasi in ritardo, visto che è già un po' di tempo, che x render + reali questi "horror", si ricorre a questa tecnica "live")... x il resto, dobbiamo dir di essere delusi dal mitico Romero: trama solita riproposta x l'ennesima volta; e come ha già sottolineato qualcuno, resta [...] Vai alla recensione »

mercoledì 30 maggio 2012
ciccio benzina

buoni effetti ma tutto sa di visto e rivisto

martedì 26 ottobre 2010
amarolucano

Rispetto ai suoi predecessori questo film è piatto, scontato e noioso. Il fatto di vivere la storia in prima persona per mezzo della telecamera di uno dei protagonisti è una cosa già vista con risultati migliori in altri film (vedi REC o The Blair Witch Project). La tematica sociale non mi sembra così approfondita... Il bisogno degli uomini di registrare e dare in pasto [...] Vai alla recensione »

lunedì 9 luglio 2012
JaGoChef

La domanda sorge spontanea appena cominciano a scorrere i titoli di coda: "c'è un modo per recuperare 95 minuti di vita che ho appena buttato via?!", la risposta ovviamente è: No. Altre confuse domande potrebbero venire alla mente di spaesati spettatori, ma riecheggerebbero nel vuoto che il film stesso ha creato. Vuoto. Questo è il genere adatto a questa pellicola, [...] Vai alla recensione »

venerdì 18 giugno 2010
Albamao

Non merita neanche di sprecarci troppe parole...ho letto recensioni che ne vogliono anlizzare il significato sociale o di critica all'informazione e bla bla bla. Tutte chiacchiere: il film è veramente brutto, in modo imbarazzante, dalla trama inconsistente, alle recitazioni ridicole, alla battute ed ai dialoghi insulsi e banali, alla completa incosistenza di un plot che abbia ragione di esistere. Vai alla recensione »

giovedì 30 luglio 2009
dian71cinema

CERTAMENTE MOLTI FILM SONO STATI REALIZZATI SUL GENERE DEI MORTI CHE CAMMINANO O DEFINITI "ZOMBIE". ALCUNI COME L'ALBA DEI MORTI VIVENTI, O IL RITORNO DEI MORTI VIVENTI TRA I PIU' RIUSCITI O DA NON DIMENTICARE IL FAMOSO "ZOMBIE" DI FINE ANNI SETTANTA DELLO STESSO ROMERO CON LA COLLABORAZIONE DI UNA FIRMA ITALIANA DELL'ANCORA GENIALE DARIO ARGENTO. DA QUESTO LAVORO SI VEDE LA MANO DEL MAESTRO.

giovedì 11 marzo 2010
igunt

Romero cade nella trappola di fare una corsa per un terreno tortuoso: i new media e ne esce sconfitto. Il film è...stanco, aggettivo che per me lo descrive più di altri. Non c'è ritmo nè materialmente nè concettualmente, nè nella tecnica. Ben venga voler fare un lavoro sui nuovi sistemi di comunicazione visiva, ma se questi sistemi non si sono riusciti [...] Vai alla recensione »

Frasi
Mornings. And mirrors. I despise them. Mornings and mirrors only serve to terrify old men.
Una frase di Andrew Maxwell (Scott Wentworth)
dal film Diary of the Dead - Le cronache dei morti viventi - a cura di Marco Gelmetti
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Manohla Dargis
The New York Times

In “George A. Romero’s Diary of the Dead,” the loosest, goosiest chapter in the filmmaker’s continuing zombieland epic, we meet the enemy and he is us, with video cameras. Set in Mr. Romero’s usual Pennsylvania stomping and chomping grounds (a k a Canada), the story pivots on a clutch of University of Pittsburgh students who, in the process of fleeing legions of the undead — despite their obvious [...] Vai alla recensione »

Francesco Alò
Il Messaggero

Prima del mediocre Survival of the Dead (Venezia 2009), il padre degli zombi George Romero aveva diretto nel 2007 Diary of the Dead, sagace omaggio al cinema in presa diretta alla Blair Witch Project riesploso due anni fa con Rec e Cloverfield. Una piccola troupe horror si trova in mezzo all'inspiegabile risveglio dei morti. Il regista, che si lamenta col suo protagonista che come non morto corre troppo [...] Vai alla recensione »

Jean-François Rauger
Le Monde

"Diary of the Dead. Chroniques des morts-vivants" : George Romero règle son compte à Internet et à la surmédiatisation George A. Romero s'est fait une place dans l'histoire du cinéma américain moderne. Une place importante déterminée autant par les innovations qu'il a apportées au genre de l'épouvante fantastique que par une manière de toujours rester lié à une tradition profonde, tenace, fidèle, [...] Vai alla recensione »

Carina Chocano
The Los Angeles Times

In " George A. Romero's Diary of the Dead," the director's most recent and least successful vision of the zombie apocalypse, a group of film students dodges Pennsylvania's undead in a tricked-out Winnebago while recording every second of the catastrophe for posterity. (They're not above reenacting the good bits for the camera when necessary, either.

NEWS
NEWS
venerdì 30 ottobre 2009
Lisa Meacci

I sogni si realizzano Non sono molte le uscite che accompagnano questo weekend di festa, ma alcune meritano davvero la nostra attenzione. Partiamo subito con Michael Jackson's This Is It, il film documentario uscito già dallo scorso mercoledì che in [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati