Midnight in Paris

Film 2011 | Commedia 94 min.

Regia di Woody Allen. Un film Da vedere 2011 con Owen Wilson, Rachel McAdams, Michael Sheen, Nina Arianda, Kurt Fuller, Tom Hiddleston. Cast completo Genere Commedia - USA, Spagna, 2011, durata 94 minuti. Uscita cinema venerdì 2 dicembre 2011 distribuito da Medusa. - MYmonetro 3,42 su 246 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Midnight in Paris tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Woody Allen torna a raccontare le dinamiche dell'innamoramento attraverso una riflessione sulla vita e i suoi misteri. Il film ha ottenuto 4 candidature e vinto un premio ai Premi Oscar, 1 candidatura ai Nastri d'Argento, 4 candidature e vinto un premio ai Golden Globes, 1 candidatura a BAFTA, In Italia al Box Office Midnight in Paris ha incassato 8,9 milioni di euro .

Midnight in Paris è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,42/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,41
CONSIGLIATO SÌ
Raffinato viaggio nel tempo per un film colmo di speranza.
Recensione di Giancarlo Zappoli
mercoledì 11 maggio 2011
Recensione di Giancarlo Zappoli
mercoledì 11 maggio 2011

Gil (sceneggiatore hollywoodiano con aspirazioni da scrittore) e la sua futura sposa Inez sono in vacanza a Parigi con i piuttosto invadenti genitori di lei. Gil è già stato nella Ville Lumiêre e ne è da sempre affascinato. Lo sarà ancor di più quando una sera, a mezzanotte, si troverà catapultato nella Parigi degli Anni Venti con tutto il suo fervore culturale. Farà in modo di prolungare il piacere degli incontri con Hemingway, Scott Fitzgerald, Picasso e tutto il milieu culturale del tempo cercando di fare in modo che il 'miracolo' si ripeta ogni notte. Suscitando così i dubbi del futuro suocero.
Woody Allen ama Parigi sin dai tempi di Hello Pussycat e ce lo aveva ricordato anche con Tutti dicono I Love You. Nella sequenza di apertura fa alla città una dichiarazione d'amore visiva che ricorda l-ouverture di Manhattan senza parole. Ma anche qui c'è uno sceneggiatore/aspirante scrittore in agguato pronto a riempire lo schermo con il suo male di vivere ben celato dietro lo sguardo a tratti vitreo di Owen Wilson. Solo Woody poteva farci 'sentire' in modo quasi tangibile la profonda verità di un 'classico' francese che nella parata di personalità che il film ci presenta non compare: Antoine de Saint Exupery. Il quale ne "Il piccolo principe" fa dire al casellante che nessuno è felice per dove si trova. Il personaggio letterario verbalizzava il bisogno di cercare sempre nuovi luoghi in cui ricominciare a vivere. Il Gil alleniano vuole sfuggire dalla banalità dei nostri giorni ma trova dinanzi a sé altre persone che esistono in epoche che ai posteri sembreranno fulgide d'arte e di creazione di senso ma non altrettanto a chi le vive come presente.
Se il Roy di L'uomo dei tuoi sogni era solamente uno scrittore avido di successo Gil è affamato di quella cultura europea di cui da buon americano si sente privo. Ma ha lo sguardo costantemente rivolto all'indietro. Forse, sembra dirci Woody, ha ragione ma è comunque indispensabile uno sforzo costante per cercare nel presente le ragioni del vivere e del creare. A Gil Allen concede quella speranza che invece negava perentoriamente (e con ragione) a Roy. Ricordandoci (ancora una volta e con delle evidenti analogie con La rosa purpurea del Cairo) che nulla può consentirci di sfuggire a noi stessi e al nostro tempo e che forse (nonostante tutto) è bene così.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
MIDNIGHT IN PARIS
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
TIMVISION
-
-
iTunes
-
-
-
-
Infinity

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 8 dicembre 2011
maria giorgia

 Gil è uno sceneggiatore hollywoodiano, ma aspirante scrittore, fidanzato (intrappolato?) con una ragazza viziata, Inez, ed è sul punto di sposarla. La coppia è in vacanza a Parigi, con i genitori di lei, americani ultraconservatori e ficcanaso. Durante il loro soggiorno, si imbattono casualmente in una coppia di amici di Inez, lui pedante tuttologo, lei scialba e silenziosa, [...] Vai alla recensione »

sabato 10 dicembre 2011
Andrea D

New York, Parigi e Venezia. Queste le tre città in cui Allen ha detto di poter vivere (e non a caso quelle in cui ha ambientato il suo musical Tutti dicono I love you). Non la grigia Londra che, dopo averlo ospitato l'ultima volta con Incontrerai l'uomo dei tuoi sogni, aveva dimostrato di non essere l'habitat adatto di un regista fin troppo emotivo.

sabato 3 dicembre 2011
Marco Michielis

Parigi, dopo mezzanotte, è magica. Capita così che uno scrittore esordiente, in cerca d'ispirazione, incontri i suoi idoli letterari, e non solo: Hemingway, Scott Fitzgerald, Picasso e chi più ne ha più ne metta. Sembra impossibile, pare una semplice ubriacatura, eppure è effettivamente così; ogni notte, allo scoccare del nuovo giorno, il prodigio si ripete e Gil ha l'opportunità di far leggere il [...] Vai alla recensione »

mercoledì 4 gennaio 2012
Antonello Chichiricco

Degno dei migliori autori di fantasy il Woodie di Midnight in Paris. Il film si dispone con estrema naturalezza in un’atemporalità circolare che puntuale alla mezzanotte consente, come nelle fiabe ma solo a chi ci crede, di salire sulla macchina del tempo - nel nostro caso una splendida zucca-berlina, ruote a raggi, con tanto di chauffeur in livrea e sbuffo di fumo alla partenza - di tornare [...] Vai alla recensione »

giovedì 19 luglio 2012
Iron Beatrix

'Midnight in Paris' è la storia di Gil, uno sceneggiatore californiano in viaggio a Parigi con la futura moglie. È la storia di un aspirante scrittore intrappolato in un lavoro remunerativo ma che non ama e in una relazione per lui castrante. È la storia di tutti quelli che almeno una volta nella vita hanno provato il desiderio nostalgico di vivere in un'epoca passata, maledicendosi per essere nati [...] Vai alla recensione »

lunedì 26 dicembre 2011
Prudence

Non c'è niente da fare Woody Allen difficilmente sbaglia, questo film racconta una vera e propria favola moderna con tanto di morale.Partendo dal postulato secondo cui la vita non è un granchè ed il genere umano è ormai una specie fallita ( come aveva evidenziato in altre sue opere, ultima fra tutte "Basta che funzioni") Allen si domanda se allora la condizione umana in cui l'uomo verte è dovuta ad [...] Vai alla recensione »

mercoledì 21 dicembre 2011
Amazz

Ho visto con piacere Midnight in Paris e lo consiglio. E' già stato scritto tanto su quest'ultima opera di Woody Allen e anche qui ho letto tanti bei commenti, come quello di Maria Giorgia, per citarne una, ma tanti altri commenti sono validi e in ognuno si trova uno spunto, un richiamo, un dettaglio che io da solo, francamente, non sarei riuscito a cogliere.

martedì 20 dicembre 2011
Giuseppe Simeone

Gil, sceneggiatore aspirante scrittore, si ritrova a Parigi con la famiglia della sua fidanzata Inez. Non condividendo la stessa passione per la città, Inez lascia passeggiare Gil da solo per Parigi, ignorando dove il suo fidanzato sene vada gironzolando fino a tarda notte... Finalmente un totale lieto fine in un film di Allen, che sembra aver ritrovato la gioia di vivere e la fiducia nell'amore [...] Vai alla recensione »

domenica 11 dicembre 2011
davidearte

Gil e Inez sono in vacanza a Parigi, ospiti dei genitori di lei, americani repubblicani e molto snob. Inez è perennemente impegnata con la madre arredatrice a cercare oggetti per la futura casa di Malibù e a frequentare una sua ex fiamma (il pedante Paul, un bravissimo Michael Sheen) e la sua fidanzata. Gil sembra invece più attratto dai segreti che una città cela al visitatore distratto: vorrebbe [...] Vai alla recensione »

giovedì 12 aprile 2012
Ashtray_Bliss

Woody e' una firma, un marchio o meglio un 'sigillo' di garanzia. Le sue opere sono geniali e brillanti e solitamente trasmettono un messaggio ben piu' profondo di quello superficiale. Anche l'idea di partenza di questo movie e' simpatica e originale (ma non brillante, visto il fatto che l'idea di percorrere il passato e' stata proposta ripetutivamente nella storia del cinema).

lunedì 19 dicembre 2011
Omero Sala

In Midnight in Paris,  Gil compensa le insoddisfazioni esistenziali, professionali e sentimentali con delle brevi fughe nel passato (e precisamente negli amatissimi anni Venti e nella adoratissima Ville Lumière), così come Mia Farrow in La rosa purpurea del Cairo cercava l’evasione dalle frustrazioni cancellando il diaframma fra realtà e finzione costituito dallo schermo [...] Vai alla recensione »

sabato 5 maggio 2012
Rescart

E’ questa l’intenzione che Allen manifesta di avere sulla base di almeno un paio di indizi. Il primo è quando il protagonista, ottimamente interpretato da un Owen Wilson nei panni mimetici di Woody attore, racconta a Buñuel la trama di un film che non solo non ha ancora realizzato, ma mostra di non avere ancora sufficiente maturità artistica per concepirlo.

lunedì 12 dicembre 2011
antonio trimarco

Gil è uno sceneggiatore con chance di scrittore, almeno ci prova, è affascinato da Parigi ed è in vacanza con la sua futura sposa e gli invadenti genitori. La sua compagna è molto bella, ma i loro gusti, il loro modo di vivere è molto diverso. A Gil piace passeggiare sotto la pioggia e gli piace molto Parigi, lei vive invece questa esperienza da vera turista americana.

giovedì 9 agosto 2012
Savio 86

Midnight in Paris ripaga ampiamente chi è rimasto deluso da certi "scempi" (per essere Allen) degli ultimi anni. Forse non è un film così semplice da sentire. Bisogna essere un pò scrittori, oppure un pò romantici, o nostalgici, o avere in sè una brezza di poesia; bisogna amare Parigi, capire un pò Allen e la sua ironia.

martedì 13 dicembre 2011
Maria

L'incantesimo che porta Gilles negli anni '20 dell'amatissima Parigi, nel cuore del suo sogno di amore e cultura, è soprattutto quello in cui Woody porta gli spettatori, prendendoli delicatamente per mano e accompagnandoli al centro dei loro sogni e delle loro delusioni.Idea non nuova ma rivisitata in un linguaggio raffinatissimo e in trovate divertenti.

mercoledì 14 dicembre 2011
narciso

Gil, sceneggiatore di successo, si trova a Parigi con la sua promessa sposa Inez per cercare ispirazione per la sua vera brama, diventare uno scrittore come i suoi idoli della Parigi degli anni folli da cui è ossessionato. Camminando da solo per i viali della capitale francese dopo aver bevuto troppo si perde. Scoccata la mezzanotte, si imbatte in un'auto "d'epoca" e dei giovani [...] Vai alla recensione »

martedì 10 gennaio 2012
stefano-kun

 Woody Allen rende omaggio a Parigi in questo film che non è certamente il più originale o il più memorabile della sua carriera, ma che seduce e conquista lo spettatore fin dalla prima sequenza. Il film si apre con una panoramica di scorci della Ville Lumière: immagini, visioni e colori già conosciuti da chiunque ami Parigi, ma che ugualmente  non smettono [...] Vai alla recensione »

mercoledì 14 dicembre 2011
lombi89

Midnight in Paris Chi non ha mai pensato di essere nato in un'epoca sbagliata? Chi non ha mai sognato una vita diversa in un tempo diverso, in un mondo più adatto ai nostri desideri e alle nostre aspirazioni? Sogni appunto, irrealizzabili. Ma a Gil Pender, sceneggiatore americano e aspirante scrittore in vacanza a Parigi, capita ciò che pare impossibile.

martedì 13 dicembre 2011
roooaaarrr.it

Con Midnight in Paris Woody Allen intende dipingere un affresco romantico dell'affascinante capitale francese immaginandola anche negli anni venti e persino ai tempi della cosiddetta Belle Époque.  Il protagonista è Owen Wilson che indossa i panni di Gil (uno sceneggiatore di Hollywood) in visita a Parigi con la futura moglie Inez (Rachel McAdams) ed i genitori di lei.

venerdì 16 dicembre 2011
iuras

Ho visto il film dopo aver sentito, nel circolo degli amici e fuori ,lodi sperticate,con qualche timida eccezione , che derivano principalmente ,ben si capisce,dalla "autorità" di cui gode Woody Allen (mostro sacro) e dalla sugestione dei suoi precedenti film.Mi sono astenuto , tra gli amici per timore di essere tacciato di un certo intellettualismo ma non in questa sede che considero palestra dove [...] Vai alla recensione »

lunedì 12 marzo 2012
michela papavassiliou

Gil e' a Parigi con la fidanzata Liz. Viziata dai genitori che li hanno accompagnati in questo viaggio, sembra condividere poche delle passioni che vibrano nell'animo del suo futuro marito. Il protagonista, interpretato da un impacciato e simpatico Owen Wilson, e' uno sceneggiatore con un appassionato desiderio di esprimersi come scrittore.

venerdì 2 marzo 2012
gabriella

Ci voleva una mano abile e sapiente come quella di Woody Allen per dosare in perfetto equilibrio, leggerezza, ironia, ritmo e intelligenza e creare una deliziosa pellicola di raffinata visione. Già dalle prime immagini in cui lo spettatore vien eintrodotto in una parigi da sogno, si preannuncia e si pregusta un "soggiorno" indimenticabile.

giovedì 15 dicembre 2011
pepito1948

L’uomo (sapiens) è un microsegmento instabile per natura, che tende ad evadere dal recinto in cui si trova secondo le direttrici delle due dimensioni spazio-tempo, perché alla perenne ricerca dell’ altro, del diverso, del nuovo, non rassegnandosi a considerare il proprio “stare” del tutto soddisfacente e convinto che in altri luoghi o tempi sia possibile trovare [...] Vai alla recensione »

domenica 4 dicembre 2011
marialu

Cenerentola doveva lasciare il ballo e il principe al rintocco della mezzanotte, altrimenti avrebbe ripreso le sembianze della ragazza cenciosa e la carrozza e i cavalli sarebbero tornati ad essere zucca e topolini. Al “principe” di Woody Allen, succede il contrario perché allo scoccare della mezzanotte entra nella sua amata Parigi degli anni ’20, magica e popolata dagli artisti dei suoi sogni [...] Vai alla recensione »

giovedì 14 febbraio 2013
fedeleto

La coppia americana Gil e Inez,passa un perido a Parigi prima di sposarsi.Gil e' un regista che si improvvisa romanziere,Inez una ragazza giovane innamorata, che reincontra un suo vecchio amico di nome Paul.Vagando per le strade notturne d Parigi Gil si ritrova improvvisamente negli anni 20,anni che lui stesso vorrebbe rivivere perche' reputa migliori di tutti.

lunedì 19 marzo 2012
francescoambrosino

"Siamo dei nani sulle spalle dei giganti". Potrebbe essere questa la frase migliore per descrivere il capolavoro di Woody Allen "Midnight in Paris". La frase, generalmente attribuita a Newton, fu pronunciata in realtà per la prima volta da Bernardo di Chartres, filosofo francese del XII secolo. Secondo la sua teoria, noi siamo come nani che siedono sulle [...] Vai alla recensione »

lunedì 5 marzo 2012
Francesca72

I primi 2 minuti sono pura poesia. Il clarinetto in sottofondo e Parigi.. E una bella storia sulla nostalgia che rispecchia la fatica che ha ognuno di accettare il proprio presente. E non esiste un presente che piaccia a chi lo vive in nessun tempo. E non c'è nulla di meglio che conoscere i propri idoli, vivere una splendida avventura e capire cosa si vuole.

domenica 11 dicembre 2011
Filippo Catani

Un giovane scrittore di sceneggiature per film hollywoodiani è in vacanza a Parigi con la futura sposa e i genitori di lei. Il grande amore per le passeggiate notturne gli farà scoprire qualcosa di incredibile: ogni sera a mezzanotte passa una macchina capace di portarti indietro nella Parigi degli anni '20. Meravigliosa opera di Woody Allen che si e ci regala quello che senza dubbio [...] Vai alla recensione »

sabato 17 maggio 2014
Trammina93

Grandissimo Woody! Adoro tutti i suoi film! Questo film è uno dei migliori che abbia fatto negli ultimi anni! Adoro l'ambientazione parigina. Anche Woody Allen deve adorare Parigi perchè ha preso degli scatti, fatto inquadrature a determinati posti proprio per esaltare la bellezza di quella magica e romantica città, come solo un innamorato potrebbe fare.

giovedì 29 novembre 2012
BiLlyJo3

 Gil, sceneggiatore di Hollywood in vacanza a Parigi con la futura sposa, è una persona che odia la mondanità, la vita frivola e gli ozi della borghesia americana. Da sempre è estraneo alla realtà che lo circonda, così, in una calda sera parigina, vive il sogno di tornare negli anni '20 ed avere così l'opportunità insolita di incontrare [...] Vai alla recensione »

mercoledì 14 dicembre 2011
Riccardo76

Woody Allen torna sugli schermi conMidnight in Paris, per regalarci una graziosa commedia sprizzante di magia, e non è un caso che sia proprio Parigi, una delle città più magiche del mondo, a ispirarlo; se poi si aggiunge la mezzanotte, archetipo per eccellenza del momento magico - l’ora dei fantasmi, l’ora dell’incantesimo che svanisce per Cenerentola e così [...] Vai alla recensione »

mercoledì 14 dicembre 2011
NouvelleVaguiste

Il punto su Midnight in Paris. Eterna lotta tra presente e passato, dove l'insoddisfazione della propria vita porta irrimediabilmente al fantasticare, al gettarsi a braccia aperte nel "negozio della nostalgia" auspicando quello che sostenne Faulkner dicendo "Il passato non è affatto morto, anzi non è nemmeno passato". Interessante è dunque il rapporto con la materia culturale, quel substrato artistico, [...] Vai alla recensione »

sabato 24 ottobre 2015
Andrea Alesci

Parlano come farebbe un amico i film di Woody Allen: una pacca sulla spalla, una serie di balbettanti incertezze e una verità pensata ma che non avevamo il coraggio di sentire a voce alta. Fluisce di parole la sua 41a opera, densa di una scrittura che ci porta accanto a personaggi come Fitzgerald, Hemingway, Gertrude Stein (Kathy Bates), T.S. Eliot, Picasso, Dalì (Adrien Brody), Buñuel, Man Ray.

giovedì 24 luglio 2014
Great Steven

MIDNIGHT IN PARIS (SP/USA, 2011) diretto da WOODY ALLEN. Interpretato da OWEN WILSON – RACHEL MCADAMS – MARION COTILLARD – KATHY BATES – ADRIEN BRODY – MICHAEL SHEEN – COREY STOLL – LEA SEYDOUX – KURT FULLER – TOM HIDDLESTON – NINA ARIANDA – CARLA BRUNI § Sceneggiatore navigato con buon stipendio a Hollywood, Gil giunge a passare [...] Vai alla recensione »

domenica 14 ottobre 2012
derriev

In questo film Allen adopera al meglio la chiave surreale che ha spesso usato nella sua produzione, qui espressa con il tema del "viaggio nel tempo". Come è tipico del suo stile il "fenomeno" entra nella trama in modo morbido, conciliante e naturale. La trama narra di uno scrittore americano che si trova a Parigi in crisi esistenziale: il suo rapporto di coppia è [...] Vai alla recensione »

martedì 9 ottobre 2012
rampante

Gil è in vacanza a Parigi, città che già conosce e che ci mostra con una carellata di splendide immagini, con la sua fidanzata Inez ed i genitori di lei. Il soggiorno rischia di trasformarsi in un incubo dopo l'incontro di una copia di amici di Inez ma, una sera a mezzanotte Gil sale su una misteriosa macchina d'epoca che lo trasporta negli anni Venti e come in una favola conosce luoghi e persone [...] Vai alla recensione »

lunedì 26 maggio 2014
dario

Dopo il toccodi Lubitsch ecco quello di Woody Allen. Che rende accettabile anche una storia assurda grazie ad una sapienza cinematografica eccezionale. Il film scorre con una grazia infinita, si fa ammirare per la bellezze delle riprese, diventa sublime nelle invenzioni e in certa illogicità che lega logicamente le scene fra loro. Molte le trovate, qualche virtuosismo, e brevi segni di stanchezza [...] Vai alla recensione »

martedì 31 luglio 2012
mahleriano

Perché questo titolo? Che questo film mi fosse piaciuto particolarmente non avevo dubbi fin dall'uscita dal cinema. E me lo motivavo con varie argomentazioni: la passione autentica verso la città di Parigi, così sinteticamente e magnificamente descritta nell'introduzione, l'originalità della storia, l'arguzia e l'ironia abituale del regista... Non ultimo il fatto che pur non amando io particolarmente [...] Vai alla recensione »

sabato 17 dicembre 2011
LucaC1993

Un tocco di genio tipico di Allen!

venerdì 16 dicembre 2011
mantraliulai

E' il turno di Parigi. Questa volta Woody Allen ci delizia gli occhi e la mente con il suo specialissimo omaggio alla Ville Lumière. In apertura una panoramica di tutti i luoghi magici che hanno ispirato i più grandi artisti del secolo scorso tra pittori, sceneggiatori e poeti. Il regista americano alla veneranda età di settantacinque anni è in forma più che [...] Vai alla recensione »

venerdì 9 dicembre 2011
Franco Cesario

Un film colto, leggero e profondo al tempo stesso, a tratti un po’ troppo lento ma sostanzialmente più che piacevole. In sintesi questo è “Midnight in Paris”, il nuovo film del più europeo dei registi americani, Woody Allen. Un’opera, l’ultima fatica del cineasta di New York, che ha il grande pregio di non essere assolutamente adatta al grande pubblico americano.

domenica 13 marzo 2016
mauro

A me sembra che il film dimostri tutta l'incapacità degli americani a capire l'Europa, il protagonista si trova a Parigi, la ama, sogna di trasferircisi, ma non si accorge che con quella cità lui non c'entri nulla. Quello che a lui interessa è materializzare il suo ideale artistico, romantico di Parigi, non tanto viverla per quello che sia, come gli interessa vviere [...] Vai alla recensione »

domenica 22 aprile 2012
doc57

La comicità di Allen non trova spazio in un film ove ciò che viene rappresentato è già stato realizzato (e probabilmente meglio) da altri. La porta del tempo era molto più originale in Kate & Leopold, pellicola che gradevolmente accompagna lo spettatore verso una commedia garbata e godibile sul contrasto fra due diverse epoche.

giovedì 1 marzo 2012
ultimoboyscout

Il film perfetto per chi ama sognare a occhi aperti, una fiaba resa credibile dalla leggerezza e dalla naturalezza di cui Woody Allen ha cosparso senza parsimonia la pellicola. Il regista utilizza Parigi come fece in passato con Manhattan, con un tono meno saccente del solito, che anzi, è romantico e spesso farsesco. Sottolinea il rapporto tra presente e passato e il fatto che in qualsiasi epoca si [...] Vai alla recensione »

lunedì 19 dicembre 2011
Miklins

 90 minuti circa di film per  dirci che “il presente . E’ un po’  insoddisfacente perché la vita è insoddisfacente” . Ed è lo stesso Gil -Owen Wilson a rivelarlo a sette minuti dalla fine . Non occorre un’idea geniale per farne un bel film se geniale è la messa in scena , ma quoi bon ? far figurare nella pellicola Fitzgerald, [...] Vai alla recensione »

venerdì 23 dicembre 2011
Le Arti Visive – Official

Un impacciato aspirante scrittore che sta per sposarsi (Owen Wilson) magicamente dopo mezzanotte viene piombato negli anni venti parigini, l’epoca dei suoi sogni, dove si innamora. È il migliore film di Allen del dopo-2000. È una commedia romantico-nostalgica dotata di notevole brio, nelle musiche, nella fotografia, nella regia, nelle interpretazioni di Wilson, della Cotillard e dei vari comprimari. [...] Vai alla recensione »

martedì 27 dicembre 2011
lucapaolo

Come spesso avviene nei suoi film, anche stavolta Woody Allen racconta una storia che è un semplice pretesto per esplorare il significato della vita e il peso delle paure umane. Il protagonista è Gil, insoddisfatto sceneggiatore di Hollywood in cerca di una riscossa da romanziere, in vacanza a Parigi con la futura moglie Inez. Romantico, idealista, appassionato di arte e letteratura, Gil ama il [...] Vai alla recensione »

venerdì 16 dicembre 2011
Luca Scialo

Gil è in vacanza con la sua futura moglie Inez a Parigi, ospiti dei genitori di lei. Pur essendo uno stimato sceneggiatore di successo, Gil vorrebbe sfondare con un romanzo, non riuscendo però a trovare il giusto bando della matassa, sconfortato anche dalla ragazza e dai suoceri. E' innamoratissimo di Parigi, specie di notte e con la pioggia, ma soprattutto, sogna di vivere nella [...] Vai alla recensione »

martedì 13 dicembre 2011
marica romolini

Perché sembra che Woody Allen abbia deciso di tirare i remi in barca, lasciando al pubblico il compito di trovare qualcosa per cui ridere. E, per carità, ci riesce benissimo: 3 decibel di risate per Picasso e Hemingway, 5 per Fitzgerald e Lautrec, 10 per Man Ray e Gertrud Stein. A dimostrazione che si ride tanto più forte quanto più si vuol far capire al resto della sala [...] Vai alla recensione »

lunedì 5 dicembre 2011
tiaulicchiu

 A voler raccontare molto della trama di un qualsiasi film si rischia di rovinare il gusto di chi andrà a vederlo. In questo caso il rischio è maggiore perché questo film di Woody Allen si dipana in maniera molto semplice ed intuitiva.  E' il racconto di crescita interiore di uno scrittore di sceneggiature Hollywoodiane, termine usato quasi con significato dispregiativ [...] Vai alla recensione »

FOCUS
FOCUS
lunedì 12 dicembre 2011
Pino Farinotti

Assumo la nota strofetta, sostituendone il soggetto: meno male che Woody c'è. La bella notizia è che Midnight in Paris ci sia, la buona novella è che sia in testa al box office. La gente ha gradito e, presumibilmente, capito. Non è così automatico il successo di Allen, che è per lo più "critico", raramente anche al botteghino. "Midnighit" è un collettore, una summa, felici: cultura e spettacolo combinati al meglio.

INCONTRI
mercoledì 11 maggio 2011
Ilaria Ravarino

Il pubblico del Festival può tirare il fiato: Woody ce l’ha fatta. Atteso in Croisette come una sorta di monumento vivente, il maestro Woody Allen ha presentato oggi con discreto successo il suo Midnight in Paris, film d’apertura del Festival di Cannes. Per la pellicola nessun entusiasmo, piuttosto un generico e condiviso apprezzamento, come una specie di sospiro di sollievo collettivo di fronte al 42º film di un regista amatissimo ma (comprensibilmente) stanco.

Frasi
"Tutti gli uomini temono la morte. È una paura naturale che ci consuma tutti. Temiamo la morte perché sentiamo che non abbiamo amato abbastanza o non abbiamo amato affatto, che alla fine sono la stessa cosa. Comunque, quando fai l'amore con una donna davvero eccezionale, una che merita il massimo rispetto in questo mondo e che ti fa sentire davvero potente, quella paura della morte sparisce completamente. Perché quando condividi il tuo corpo ed il tuo cuore con una donna eccezionale il mondo svanisce. Voi due siete le uniche persone nell'intero universo. Stai conquistando quello che non molti uomini hanno conquistato prima, hai conquistato il cuore di una donna eccezionale, la cosa più vulnerabile che lei può offrire ad un'altra persona. La morte non indugia più nella mente. La paura non annebbia più il tuo cuore. Solo la passione per vivere, e per amare, diventa la tua unica realtà. Questo non è un compito facile, per esso ci vuole un insormontabile coraggio. Ma ricorda questo, nel preciso momento in cui farai l'amore con una donna davvero eccezionale ti sentirai immortale!"
Una frase di Ernest (Corey Stoll)
dal film Midnight in Paris - a cura di Luca Locatelli
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Valerio Caprara
Il Mattino

Maneggiatelo con cura, parlatene con garbo, consigliatelo con moderatezza. Nonostante abbia sbancato contro tutte le previsioni il box-office americano, «Midnight in Paris» è un film sottile, delicato, divertito e divertente a cui non s’addice un surplus d’aggettivi encomiastici: a settantasei anni d’età e con quarantacinque titoli in filmografia Woody Allen si è concesso, infatti, un “divertissement” [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Un sogno, una fantasticheria, un viaggio tra i fantasmi del Novecento, una visita tutta da ridere (ma non senza emozione) a quegli «antenati» con cui non smettiamo di fare i conti. Perché come dice il protagonista con Faulkner, «il passato non è affatto morto, anzi non è nemmeno passato». Dunque passeggiando per Parigi ci si può ritrovare nella «Festa mobile» di Hemingway, si può cenare a casa di Jean [...] Vai alla recensione »

Roberto Escobar
L'Espresso

Tra le virtù cineniarograhche, poche sono difficili da esercitare quanto la leggerezza. E splendidamente leggero è “Midnight in Paris” (Usa e Spagna, 2011, 94’). Quasi camminasse svagato per le strade di Parigi. Woodv Allen racconta come gli uomini e le donne, o alcuni fra loro, vivano inquieti nel tempo e nel luogo avuti in sorte dal caso, e come provino a fuggirne via, verso altri tempi e altri luoghi. [...] Vai alla recensione »

Curzio Maltese
La Repubblica

Per ridere tanto bisogna tornare nei tempi recenti almeno a Scoop, ma forse addirittura a Pallottole su Broadway o agli esordi di comicità pura alla Prendi i soldi e scappa e alla sceneggiatura di Ciao Pussycat, il film durante il quale Woody si è innamorato di Parigi. Midnight in Paris gioca a scacchi con l'intelligenza e lo humour dello spettatore, spiazzandolo con un crescendo di mosse geniali e [...] Vai alla recensione »

Massimo Bertarelli
Il Giornale

Grande, inarrivabile Woody. Dopo qualche film così e così, riecco l’Allen dei tempi d’oro. E forse ancora meglio. Lo scrittorello californiano Owen Wilson, in vacanza con la fidanzata e futuri suoceri in Francia, si ritrova per magia nella Parigi degli anni Venti. Un ripetuto viaggio notturno, con puntuale ritorno all’alba, dove incontra Hemingway e Picasso, Gauguin e Cocteau.

Roberta Ronconi
Liberazione

Un giovane sceneggiatore in vacanza a Parigi con fidanzata e futuri suoceri. Tutti ricchissimi, ma lui, Gil, al contrario degli altri che rimpiangono la natia California, vorrebbe abbandonarsi alla sua vena nostalgica e trasferirsi a Parigi, culla degli scrittori e degli artisti su cui ha formato le sue fragili fantasie. E mentre le assatanate dello shopping, fidanzata e mamma super-snob, cercano sediole [...] Vai alla recensione »

Alberto Crespi
L'Unità

Vi proponiamo un esercizio di sceneggiatura: vedendo Midnight in Paris memorizzate le due scene in cui compare Carla Bruni, poi collocatele nella trama e immaginate cosa succederebbe se venissero tagliate. Ve lo anticipiamo: nulla. Owen Wilson non potrebbe dire una battuta molto carina su Rodin, che per altro poteva essere «seminata» in altro modo. Il ruolo della guida turistica poteva essere interpretato [...] Vai alla recensione »

Mariuccia Ciotta
Il Manifesto

Tour del regista newyorkese attraverso la mitologia di un «americano a Parigi», l'amore dei grandi narratori d'oltre Atlantico, i bohémien che hanno fatto Hollywood, Midnight in Paris, è stato il film d'apertura di Cannes 2011. New York si modella su Parigi e viceversa negli occhi di Woody Allen che incontra al Polidor, bistrò mitico del quartiere latino, Francis Scott Fitzgerald e Zelda, Salvador [...] Vai alla recensione »

Paola Casella
Europa

Ci sono due momenti di Midnight in Paris, il nuovo film scritto e diretto da Woody Allen, in cui l’autore enuncia la sua verità attraverso il protagonista, lo scrittore Gil Pender (Owen Wilson), ma Allen e il suo alter ego meno nevrotico e più wasp scelgono di «buttare via» quei momenti con una leggerezza e una grazia che sono le cifre stilistiche dell’intera commedia: una riflessione esistenziale [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Risale al 1966 il racconto di Woody Allen Memorie degli Anni Venti pubblicato in Saperla lunga (Bompiani), parodia della Parigi della Lost Generation dove lo scrittore, immaginandosi infilato in quel giro cosmopolita, finiva invariabilmente con il beccarsi un pugno sul naso dal macho Hemingway. Ora sul lontano spunto Allen ha costruito una commedia, Midnight in Paris, che oltre a essere divertente, [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
mercoledì 19 dicembre 2012
Rossella Farinotti

Nell'edizione 2013 si evolvono alcuni dei codici tradizionali del "Farinotti". Fermo restando quello primario, "dalla parte del pubblico" ne rilevo un altro, importante: la "vedibilità" a posteriori, la resistenza al tempo.

GALLERY
lunedì 28 novembre 2011
 

Woody Allen, Midnight in Paris e il suo solito intreccio. La storia scritta (e diretta) dal maestro di Manhattan, questa volta, verte sulle vicende di una famiglia, in Francia per affari, e di due futuri sposi; tutti impegnati in esperienze che cambieranno [...]

BIZ
mercoledì 17 agosto 2011
Robert Bernocchi

Cos'è Quinto potere? A parte ovviamente il riferimento all'omonimo film (Network in originale), è una rubrica che segnala gli errori, le stranezze, gli esempi di chiara incompetenza e magari anche gli spoiler commessi dai giornalisti italiani impegnati [...]

winner
miglior scenegg.ra originale
Premio Oscar
2012
winner
miglior scenegg.ra
Golden Globes
2012
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati