The Doors Live At The Bowl '68

Film 2012 | Musicale 135 min.

Anno2012
GenereMusicale
ProduzioneUSA
Durata135 minuti
Regia diRay Manzarek
Uscitalunedì 10 dicembre 2018
TagDa vedere 2012
DistribuzioneNexo Digital
MYmonetro 3,75 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Ray Manzarek. Un film Da vedere 2012 Genere Musicale - USA, 2012, durata 135 minuti. Uscita cinema lunedì 10 dicembre 2018 distribuito da Nexo Digital. - MYmonetro 3,75 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi The Doors Live At The Bowl '68 tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

La versione integrale del concerto The Doors Live At The Bowl '68.

Consigliato assolutamente sì!
3,75/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 4,00
CONSIGLIATO SÌ
Un prologo di aneddoti gustosi, un concerto entrato nella storia, una band in stato di grazia.
Recensione di Boris Sollazzo
venerdì 8 febbraio 2013
Recensione di Boris Sollazzo
venerdì 8 febbraio 2013

Un pugno di simpatici vecchietti raccontano di fronte a un'inquadratura fissa un giorno d'estate del 1968. Un bel prologo in cui tre grandi artisti che ebbero il privilegio, l'onore e l'onere di suonare per quel genio di Jim Morrison ci svelano qualche retroscena di un 5 luglio storico. E poi un'ora e una manciata di minuti all'Hollywood Bowl con I Doors. Il massimo della vita, come stare in prima fila e nel backstage. E se anche le riprese del concerto fossero scadenti, e non lo sono, se anche la performance fosse mediocre, e ovviamente non lo è, per vedere questo film basterebbe quella scena in cui il regista e tastierista Ray Manzarek, raccontandoci che come gruppi spalla avevano i Chambers Brothers e Steppenwolf, si mette a cantare Born to be wild. Con l'entusiasmo di chi non è drogato solo del proprio talento, ma ama la musica tutta.

Ecco, The Doors Live At The Bowl '68 è soprattutto questo, amore. Per la musica, per quattro grandi artisti e per la loro infantile gioia nel suonare e cantare - Jim sotto acido che prova a prendere una cavalletta immaginaria, il suo rutto dopo pochi minuti di concerto sono momenti di gioco puro -, per un'epoca in cui il talento era tutto e lo show era chi suonava, non un palco enorme o uno schermo gigante.

E vederlo dopo che ci è stato raccontato come Jim, John Densmore, Ray e Robby Krieger si fossero fatti portare 52 amplificatori (di solito ne avevano una ventina) per farsi sentire in tutta la città e come poi fossero stati costretti a usarne solo uno a testa, ti porta dentro ogni pezzo, ogni particolare, ogni nota dilatata da quel cantante che le porte della percezione le aveva sfondate da un pezzo, forse da sempre.

Da When The Music's Over a The End, passando per Hello, I love you e Whisky Bar, si sente un'invincibile nostalgia per quella stagione esaltante, per quel rock che ha in sé blues, psichedelia e persino jazz, per un gruppo che era forse al culmine della propria creatività, in quel momento d'oro che è tra l'impeto degli inizi e la maturità definitiva. E la tecnologia moderna ci aiuta: dalla bobina e dalla registrazione a otto piste (anzi sette, come scopriamo nel film) arriviamo all'audio surround 5.1, e così riscopriamo un live straordinario, corredato da contenuti extra, foto e stralci di documentari.

E c'è da sperare che davvero tra gli operatori presenti a riprendere quel momento unico a Hollywood ci fosse anche un giovanissimo Harrison Ford, come leggenda vuole: ci piace pensarlo, renderebbe il tutto più magico, un po' come Scorsese nel Woodstock di Michael Wadleigh. Di sicuro, comunque, alla fotografia c'era l'ottimo Paul Ferrara, l'uomo che ha immortalato più volte i Doors, in grande forma.

PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 28 febbraio 2013
Markos 76

Ieri sera ero al cinema, non mi ha stupito affatto trovare in sala sia nostalgici sia giovanissimi, i Doors sono amati da tutte le generazioni in quanto gruppo di assoluto livello qualitativo. Il film o meglio il concerto (perchè è come se fossi lì) è un emozione dietro l'altra, sentire Robby Krieger, ottimo compositore e chitarrista, capace di spaziare dal flamenco a un particolare genere di chitarrismo [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 febbraio 2013
Maurizio.Meres

Ottimo concerto dei Doors che forse rappresento il vero banco di prova della loro musica ,il grande Jim Morrison riesce a coinvolgere il publico in un atmosfera sunreale,personalmente mi ha ricordato i grandi concerti dal 69 al 75 da me visti quasi tutti. Ottime sono state le riprese e anche il sonoro tenendo conto dell'epoca,interessanti tutti gli aneddoti raccontati dai conponenti dei Doors.

mercoledì 27 febbraio 2013
Markos 76

Trattandosi di un gruppo musicale che ha cambiato il modo di fare musica, ritengo assolutamente indispensabile vedere questo film

mercoledì 27 febbraio 2013
Seba88

Piu' che vederlo..e' stato come assistere a qualcosa dove uno (J.M.) tenta in qualche modo di andare ''oltre''... di aprire quella che lui definisce...(the Doors) la porta.. credo che, quella sera del 1968...di porte...nella sua mente ne abbia aperte tantissime.... era talmente pieno di acido (L.S.D.) nel corpo che la sua salma si sara' polverizzata dopo pochi minuti dalla morte.

giovedì 28 febbraio 2013
Seba88

 Piu' che vederlo..e' stato come assistere a qualcosa dove uno (J.M.) tenta in qualche modo di andare ''oltre''... di aprire quella che lui definisce...(the Doors) la porta.. credo che, quella sera del 1968...di porte...nella sua mente  ne abbia aperte tantissime.... era talmente pieno di acido (L.S.D.) nel corpo che  la sua salma si sara' polverizzata [...] Vai alla recensione »

domenica 24 febbraio 2013
andreacana73

è possibile sapere gli orari del film dei DOORS per mercoledi?grazie

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati