Anatomia del Miracolo

Film 2017 | Documentario +13 83 min.

Titolo originaleLe Bleu Miraculeux
Anno2017
GenereDocumentario
ProduzioneFrancia, Italia
Durata83 minuti
Regia diAlessandra Celesia
AttoriFabiana Matarese, Giusy Orbinato, Sue Song .
Uscitamartedì 13 novembre 2018
DistribuzioneLa Sarraz Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Regia di Alessandra Celesia. Un film con Fabiana Matarese, Giusy Orbinato, Sue Song. Titolo originale: Le Bleu Miraculeux. Genere Documentario - Francia, Italia, 2017, durata 83 minuti. Uscita cinema martedì 13 novembre 2018 distribuito da La Sarraz Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi Anatomia del Miracolo tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

La Madonna dell'Arco, venerata dal popolo e mito tutto italiano, è al centro del ritratto di un paese in piena sofferenza, incapace di rimarginare le proprie ferite.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Il culto per la Madonna dell'Arco, osservato attraverso le vite di alcuni devoti e raccontato con un'estetica 'gomorriana'.
Recensione di Emanuele Sacchi
lunedì 7 agosto 2017
Recensione di Emanuele Sacchi
lunedì 7 agosto 2017

Fuori Napoli il santuario della Madonna dell'Arco attira folle di devoti, che pregano, si inginocchiano o strisciano letteralmente ai piedi di Maria per invocare un miracolo.
Più che di sondare l'insondabile, ovvero soffermarsi sui miracoli veri o presunti di un santuario, all'indagine di Alessandra Celesia interessa l'universo policromo dei devoti della Madonna, esemplari talora pittoreschi talaltra tragici di un'umanità ai margini della cronaca, ma tuttora presente.

La macchina da presa si fa spettatrice del privato di individui alla soglia dell'indigenza ma che non rinunciano alla Fede, scrutando squarci di generosità e affetto, virtù sopravvissute a un'esistenza di profondo disagio.

Nulla di particolarmente nuovo, nell'ambito delle tendenze recenti interne al cinema del reale. La retorica degli ultimi, dal lavoro di Pietro Marcello in avanti, è stato un tema al centro di diversi documentari: Celesia accompagna a questa un'estetica "gomorriana", che sfrutta l'istintualità degli scugnizzi e gli scorci di una città unica per ammantare di un respiro magico lo schematismo rigido con cui si sviluppa il documentario. A fronte di una tecnica e di un montaggio capaci di concentrarsi sulla persona, adeguando ad essa l'ambiente circostante, anziché il contrario, sono i contenuti a rappresentare un déjà vu.

Con una sola importante eccezione: il personaggio di Giusy, corpo immobilizzato su una sedia a rotelle e anima imprigionata tra il desiderio di credere in Maria e la rabbia di fronte agli oscuri disegni della Provvidenza. La tensione spirituale che la attraversa trasmette la sensazione del fine ultimo a cui Celesia probabilmente mirava, ma sarebbero serviti più minuti di Giusy rispetto a personaggi quasi canonici nel loro percorso di devozione. Quasi imperdonabile, infine, l'epilogo consolatorio e populista sulle note di "Vivere" di Vasco Rossi.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati