7 Sconosciuti a El Royale

Film 2018 | Thriller +13 141 min.

Titolo originaleBad Times at the El Royale
Anno2018
GenereThriller
ProduzioneUSA
Durata141 minuti
Al cinema3 sale cinematografiche
Regia diDrew Goddard
AttoriJeff Bridges, Cynthia Erivo, Dakota Johnson, Jon Hamm, Cailee Spaeny, Lewis Pullman Chris Hemsworth, Nick Offerman, Manny Jacinto, Mark O'Brien, Jonathan Whitesell.
Uscitagiovedì 25 ottobre 2018
TagDa vedere 2018
Distribuzione20th Century Fox
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,82 su 15 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Drew Goddard. Un film Da vedere 2018 con Jeff Bridges, Cynthia Erivo, Dakota Johnson, Jon Hamm, Cailee Spaeny, Lewis Pullman. Cast completo Titolo originale: Bad Times at the El Royale. Genere Thriller - USA, 2018, durata 141 minuti. Uscita cinema giovedì 25 ottobre 2018 distribuito da 20th Century Fox. Oggi tra i film al cinema in 3 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,82 su 15 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi 7 Sconosciuti a El Royale tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

In un hotel in decadenza, negli anni Sessanta, si susseguono una serie di azioni violente. In Italia al Box Office 7 Sconosciuti a El Royale ha incassato 493 mila euro .

Consigliato sì!
2,82/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,14
PUBBLICO 3,33
CONSIGLIATO SÌ
Un puzzle da ricomporre tessera dopo tessera, che trasuda citazioni, gioca con lo spettatore e regala una strepitosa colonna sonora.
Recensione di Paola Casella
giovedì 18 ottobre 2018
Recensione di Paola Casella
giovedì 18 ottobre 2018

Anni Sessanta. Un uomo affitta una stanza all'hotel El Royale nascondendo una borsa voluminosa sotto le assi del pavimento. Pochi attimi dopo viene ucciso da un altro uomo, la cui identità rimane misteriosa. Dieci anni dopo alcuni clienti decidono di soggiornare nello stesso albergo, che si trova all'esatto confine fra la California e il Nevada, al punto che una striscia rossa divide fisicamente a metà gli spazi: da un lato le camere in Nevada - lo stato del vizio, dell'illegalità e del gioco d'azzardo - dall'altro quelle in California - lo stato dell'amore libero, della contestazione e di Hollywood. Uno dopo l'altro i personaggi riveleranno la loro vera natura: perché in 7 sconosciuti a El Royale non bisogna tanto seguire il flusso del denaro quanto le motivazioni che hanno portato ognuno dei presenti (compreso il concierge) in quel luogo isolato al confine fra il Bene e il Male. Vale la pena tenere presente in quale epoca storica ci troviamo: la guerra nel Vietnam, i proclami di Nixon, le spie di J. Egard Hoover, le battaglie per i diritti civili.

Drew Goddard, lo sceneggiatore di Cloverfield, World War Z e The Martian, nonché l'autore e regista di Quella casa nel bosco, crea un puzzle da ricomporre tessera dopo tessera, ma lascia anche alcune caselle vuote, invitando il pubblico a fare le proprie supposizioni.

I pezzi principali però combaciano, forse un po' troppo perfettamente, e la trama si lascia seguire, anche grazie a colpi di scena e sequenze shock accuratamente disseminati. Siamo in territorio post tarantiniano, con qualche omaggio a David Lynch, e la galleria di personaggi può fare leva sulla consumata abilità recitativa di alcuni interpreti - in particolare John Hamm e Jeff Bridges - nonché sull'appeal estetico (e poco altro) di Dakota Johnson e Chris Hemsworth.

Il perno intorno al quale ruota tutta la vicenda è però la musica Motown, soprattutto quella interpretata dalla voce potente della sua splendida interprete, la star dei musical di Londra e di Manhattan Cynthia Erivo, da poco passata al grande schermo. È lei a regalare una spina dorsale a un film molto preoccupato della forma e meno attento alla sostanza: è qualità umana della Erivo a farci intravvedere un vissuto e uno spessore nel suo personaggio di cantante da 12 euro l'ora, quando il suo manager (Xavier Dolan, candido solo per il colore della pelle) ne intasca troppi di più.

7 sconosciuti a El Royale è un film ostinatamente orizzontale, non solo perché si svolge nello spazio rettangolare di un motel, ma anche perché mantiene i suoi personaggi in superficie, concedendo agli spettatori solo qualche breve flashback per regalare alle singole storie doppi fondi non esposti in sceneggiatura. Ogni ruolo è un archetipo: l'uomo di chiesa, la hippie, la cantante black, il venditore di aspirapolveri, e poi il guru, la bambina, il concierge. Ma nessuno di loro è quel che sembra, e nessuno è innocente. Il film trasuda citazioni, tanto letterarie (una per tutti: Graham Greene), quanto cinematografiche (tutto Quentin, da Le Iene a Hateful Eight).

Goddard crea per il pubblico un "corridoio di osservazione" lusingando il nostro voyeurismo, e il nostro compiacimento (sadico) davanti a una pulp fiction estremamente bella da vedere. 7 sconosciuti a El Royale è un cubo di rubik divertente da ricomporre, anche se non sufficientemente sfaccettato. E la (strepitosa) colonna sonora resta l'elemento indiscutibilmente schierato dalla parte del Bene.

Sei d'accordo con Paola Casella?
Il nuovo thriller di Drew Goddard.
martedì 21 novembre 2017

Sette estranei, ognuno con un passato da seppellire, si incontrano nel fatiscente El Royale, un hotel a Lake Tahoe sul confine tra California e Nevada. Nel corso di una notte, ognuno di loro avrà un'ultima possibilità per redimersi, prima che vada tutto in malora.

PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 7 novembre 2018
Winchester_94

 La pellicola ambientata alla fine degli anni sessanta, narra l’incontro tra sette sconosciuti in un albergo, El Royale, a cavallo tra lo stato del Nevada e la California. Qui i nostri personaggi, spinti da motivazioni personali e immorali, daranno inizio ad uno scontro all’ultimo sangue, fino all’epilogo finale, atto in cui i personaggi caleranno la loro maschera, e mostreranno [...] Vai alla recensione »

martedì 30 ottobre 2018
samanta

El Royale è un albergo diviso a metà dal confine tra il Nevada e la California, alla fine degli anni '50 uno sconosciuto prende una camera e nasconde sotto il pavimento di legno una borsa pesante (si scoprirà che conteneva una grossa somma di denaro frutto di una rapina), ma viene ucciso da un'altro sconosciuto. La scena successiva è di 10 anni dopo, quando alcune [...] Vai alla recensione »

lunedì 29 ottobre 2018
Inesperto

La vicenda si svolge tutta in poche location: nella hall dell'albergo, all'interno delle singole camere, nel parcheggio e nel corridoio segreto. I personaggi vengono osservati sia quando interagiscono, sia nei loro momenti solitari; la presenza di flashback, inoltre, ci spiega come questi sconosciuti si siano trovati nello stesso giorno all'hotel El Royale.

domenica 4 novembre 2018
joecondor

Originale e piena di colpi di scena ,una bellissima sceneggiatura dove ogni personaggio è ottimamente caratterizzato.Il film è pieno di colpi di scena e tiene lo spettatore incollato alla poltrona per capire il susseguirsi dellla vicenda,Interpretazioni di Jeff Bridges e Cinthya Erivo la cantante di colore da Oscar, ma anche gli altri attori sono bravissimi da Lewis Pulman il misterioso [...] Vai alla recensione »

Frasi
Da che parte state? Ragione o torto? Dio o nessun Dio? Rosso o nero?
Una frase di Billy Lee (Chris Hemsworth)
dal film 7 Sconosciuti a El Royale - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
venerdì 19 ottobre 2018
Emiliano Morreale
La Repubblica

Dopo un film dai temi sociali (Moonlight) e una rilettura "adulta" del western (Hostiles), quest'anno il film d'apertura della Festa di Roma sceglie i territori del film di genere in chiave manierista, con un cast di grande rilievo. Fine anni sessanta, in un albergo fatiscente a Lake Tahoe, tra California e Nevada, arrivano alcuni strani personaggi.

sabato 3 novembre 2018
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Insegna Raymond Chandler: "Se non sai come procedere, fai entrare uno sconosciuto con una pistola". Drew Goddard riunisce in un hotel posizionato tra il Nevada e la California, sette personaggi posizionati tra l'assurdo e l'eccentrico. Il proprietario non si fa vivo per assegnare le stanze e dare le chiavi. Il commesso viaggiatore di Jon Hamm è una caricatura, quanto a vestiti e brillantina.

giovedì 25 ottobre 2018
Alessandra Levantesi
La Stampa

Ambientato nel 1969 in un albergo a ridosso del lago Tahoe, 7 sconosciuti a El Royale vede riuniti fuori stagione in quel luogo sperduto alcuni personaggi che pretendono di essere altro da ciò che sono, finché in un' escalation di violenza non viene fuori la verità di ognuno di loro. Come suggerito dal titolo italiano, la mystery/black comedy di Drew Goddard richiama nella struttura narrativa il tarantinian [...] Vai alla recensione »

giovedì 25 ottobre 2018
Valerio Caprara
Il Mattino

Amato da moltissimi e detestato da qualcuno, Quentin Tarantino ha il suo pregio più grande nel generare schiere d'imitatori senza permettere a nessuno d'assomigliargli veramente. Sembra molto semplice, infatti, attingere alle sue inclinazioni e al suo linguaggio, ma poi i registi imitatori si ritrovano in mano soltanto un repertorio dei suoi tic più vistosi.

giovedì 25 ottobre 2018
Pedro Armocida
Il Giornale

Nessuno è quello che appare, a partire dal grande Jeff Bridges nei panni di un prete, in questo kammerspiel di ben 144 minuti dello statunitense Drew Goddard, compiaciuto regista che scimmiotta Tarantino ma è «solo chiacchiere e distintivo», più forma che sostanza. 7 eccentrici personaggi che alla fine degli anni Settanta si ritrovano osservati e spiati in un motel simil casa del Grande Fratello con [...] Vai alla recensione »

venerdì 19 ottobre 2018
Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

Animali impagliati, arredamento pesante, atmosfera inquietante. Benvenuti al grand hotel El Royale, luogo d'antichi fasti ora ridotto a maniero segreto di lussuriosi potenti, antro sinistro di perversioni e massacri. D'altra parte siamo a inizio 1969, in piena era Nixon, al secondo mandato. Se dentro il resort - posto sull'esatta e suggestiva linea di confine fra California e Nevada - regna l'intimità [...] Vai alla recensione »

venerdì 19 ottobre 2018
Francesco Alò
Il Messaggero

Ci sono un prete, una cantante soul, due sorelle litigiose, uno strano agente Fbi, il concierge morfinomane e l'ospite inatteso a guida di un culto "mansoniano". È il 1959 e lorsignori convergono in un albergone al confine tra Nevada e California. Il regista Drew Goddard aveva giocato bene con l'horror ai tempi di Quella casa nel bosco (2012). Ora, con questo 7 sconosciuti a El Royale scimmiotta Tarantino [...] Vai alla recensione »

NEWS
VIDEO RECENSIONE
venerdì 26 ottobre 2018
A cura della redazione

Anni Sessanta. Un uomo nasconde una borsa sotto il pavimento di una stanza dell'hotel El Royale. Poco dopo viene ucciso. Dieci anni dopo alcuni clienti soggiornano nello stesso albergo al confine fra California e Nevada: da un lato le camere in Nevada [...]

TRAILER
venerdì 7 settembre 2018
 

Sette estranei, ognuno con un passato da seppellire, si incontrano nel fatiscente El Royale, un hotel a Lake Tahoe sul confine tra California e Nevada. Nel corso di una notte, ognuno di loro avrà un'ultima possibilità per redimersi, prima che vada tutto [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati