La profezia dell'armadillo

Film 2018 | Drammatico +13 99 min.

Regia di Emanuele Scaringi. Un film Da vedere 2018 con Simone Liberati, Valerio Aprea, Pietro Castellitto, Laura Morante, Claudia Pandolfi. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 2018, durata 99 minuti. Uscita cinema giovedì 13 settembre 2018 distribuito da Fandango. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,83 su 13 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi La profezia dell'armadillo tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Zero ha ventisette anni, vive nel quartiere periferico di Rebibbia, più precisamente nella Tiburtina Valley. Terra di Mammuth, tute acetate, corpi reclusi e cuori grandi. Dove manca tutto ma non serve niente. In Italia al Box Office La profezia dell'armadillo ha incassato nelle prime 5 settimane di programmazione 308 mila euro e 147 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
2,83/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,50
PUBBLICO 3,00
CONSIGLIATO SÌ
Una commedia di erranza che rilegge al cinema la poesia urbana e le storie autobiografiche di Zerocalcare.
Recensione di Marzia Gandolfi
lunedì 3 settembre 2018
Recensione di Marzia Gandolfi
lunedì 3 settembre 2018

Zero ha ventisette anni e il talento per il disegno. La sua vita sociale si limita a Secco con cui condivide l'entusiasmo per la geek culture. Ma la sua vera passione è Camille, il suo amore di sempre traslocato a Tolosa. Camille che ama e che adesso l'anoressia ha vinto. Cercando dentro di sé le parole per dire il suo lutto, Zero oscilla tra nostalgia e proiezioni 'corazzate'. In conflitto perenne con se stesso, la sua voce interiore ha il corpo placcato di un armadillo, presenza rassicurante che lo accompagna permanentemente. Tra Rebibbia e Roma Nord, passando per il temibile centro, Zero si imbarca in un'avventura splenica e comica, specchio di un'intera generazione.

Linguaggi distinti che condividono una vocazione comune, narrare attraverso le immagini, cinema e fumetto si affrontano nel quartiere popolare di Rebibbia, cuore della mitologia di Zerocalcare (Michele Reich).

Adattamento del fumetto omonimo, già cult e stampato a colori per Bao Publishing, La profezia dell'armadillo è un'intensa seduta psicanalitica che emancipa il suo protagonista dalla striscia e lo incarna sulla scena e davanti al confidente immaginario che dona il nome al titolo. Apparizione farfugliante che personifica la sua coscienza, l'armadillo di Valerio Aprea declina il côté indolente e menefreghista dell'antieroe, un ragazzo 2.0 che usa la cultura pop per attraversare indenne il mondo. Un territorio che si dispiega tra un nord e un sud ideali tra cui Zero fa la spola prima di ritornare alla sua heimat, un quartiere di cui il mammut favoleggiato è la primitiva allegoria. L'universo parallelo spalancato dalla graphic novel, abitato da punk, zombi, Kassovitz e lavatrici, ripiega nel film in uno spazio urbano tangibile e mainstream.

Sposando una rappresentazione realistica che non deraglia mai dai suoi binari, il regista dirige una storia globalmente triste che non cede mai al pathos e segue un arco narrativo classico, si appoggia sulle spalle dei suoi giovani attori e strizza l'occhio al cinema di culto tra citazioni e sfide cinefile. Emanuele Scaringi pesca nelle tavole di Zerocalcare, dietro le pirouette di stile, i décor semplificati e le espressioni esagerate, la nostalgia Camille, la piccola francese di Tolosa che Zero insegue sul tram dei desideri, sperando di sedurla senza dire niente. Ma il tram dei desideri nei suoi pensieri all'incontrario va, risalendo Roma e doppiando il perimetro oltre il quale si sente vulnerabile.

Zero ha il volto fresco di Simone Liberati a cui serve la replica il Secco eccitabile e scriteriato di Pietro Castellitto. La profezia dell'armadillo debutta con l'irruzione del tragico nel quotidiano ma non fa di quel lutto prematuro la questione centrale del suo racconto. Scaringi sceglie di aggirare il soggetto, trattandolo in filigrana e conducendo i suoi personaggi altrove. Traslocandoli lungo i quartieri di Roma, giocando sui contrasti tra i ricordi dolorosi e una stagione della vita dove tutto sembra leggero, il regista soffonde il film di una profonda malinconia, scrutando nel profondo le ripercussioni del lutto sul protagonista.

Commedia di erranza, che rilegge al cinema la poesia urbana e le storie autobiografiche di Zerocalcare, La profezia dell'armadillo descrive con ironia lieve la vita e le questioni esistenziali, l'attualità e i conflitti intergenerazionali, risvegliando nello spettatore tutti quei piccoli momenti che non torneranno ma di cui ci ricorderemo sempre. Pieno di una naïvité e un'innocenza che toccano il cuore, ci sorprendiamo alla fine a ridere soli. Soli con la nostra coscienza animale.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
Simone Liberati protagonista del film tratto dall'omonima graphic novel di Zerocalcare.
a cura della redazione
lunedì 2 ottobre 2017

Zero ha ventisette anni, vive nel quartiere periferico di Rebibbia, più precisamente nella Tiburtina Valley. Terra di Mammuth, tute acetate, corpi reclusi e cuori grandi. Dove manca tutto ma non serve niente. Zero è un disegnatore ma non avendo un lavoro fisso si arrabatta dando ripetizioni di francese, cronometrando le file dei check-in all'aeroporto e creando illustrazioni per gruppi musicali punk indipendenti.
La sua vita scorre sempre uguale, tra giornate spese a bordo dei mezzi pubblici attraversando mezza Roma per raggiungere i vari posti di lavoro e le visite alla Madre. Ma una volta tornato a casa, lo aspetta la sua coscienza critica: un Armadillo in carne e ossa, o meglio in placche e tessuti molli, che con conversazioni al limite del paradossale lo aggiorna costantemente su cosa succede nel mondo.
A tenergli compagnia nelle sue peripezie quotidiane, nella costante lotta per mantenersi a galla, è l'amico d'infanzia Secco.
La notizia della morte di Camille, una compagna di scuola e suo amore adolescenziale mai dichiarato, lo costringe a fare i conti con la vita e ad affrontare, con il suo spirito dissacrante, l'incomunicabilità, i dubbi e la mancanza di certezze della sua generazione di "tagliati fuori".

PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 24 settembre 2018
Flyanto

 Tratto dall’omonima graphic novel di Zerocalcare, “La Profezia dell’Armadillo” racconta il naturale ed inevitabile percorso di crescita che il protagonista fa per giungere alla maturità vera e propria. Talentuoso disegnatore, il giovane in questione non ha ancora un’occupazione stabile e, pur vivendo da solo in un appartamento, si mantiene svolgendo svariati [...] Vai alla recensione »

lunedì 24 settembre 2018
Flyanto

 Tratto dall’omonima graphic novel di Zerocalcare, “La Profezia dell’Armadillo” racconta il naturale ed inevitabile percorso di crescita che il protagonista fa per giungere alla maturità vera e propria. Talentuoso disegnatore, il giovane in questione non ha ancora un’occupazione stabile e, pur vivendo da solo in un appartamento, si mantiene svolgendo svariati [...] Vai alla recensione »

domenica 16 settembre 2018
joecondor

Finalmente un film sulla periferia di Roma con una storia originale e divertente.Bella storia caratterizzata dai 3 protagonisti brava da Aprea l'armadillo ai personaggio di Zero e del Secco interpretati bene da Simone Liberati e Pietro Castellitto ,i 2 cani randagi del film che si muovono in una bella Roma periferica sorretti da un'ottima sceneggiatura,Regia attenta e vivace.

martedì 2 ottobre 2018
kimkiduk

Dove andiamo? che c'è al cinema? poco ... e se andassimo a vedere la Profezia dell'armadillo? Film piacevole per fare due risate, all'inizio sicuramente tanto. Qualcuno aveva letto il fumetto ed io come sempre no (prima o poi devo prepararmi con questi film legati a libri o fumetti, anche per avere un paragone). Le risate dell'inizio con il passare della storia diventano più [...] Vai alla recensione »

giovedì 20 settembre 2018
no_data

La trasposizione del fumetto di Michele Rech-Zerocalcare nel film di Emanuele Scaringi riesce solo in parte, a causa di una sceneggiatura che non raggiunge appieno l'obiettivo di comunicare al pubblico l'ironia tagliente e dissacrante che si coglie nel fumetto. L'atmosfera che vi si respira, infatti, è assai più complessa, vasta, articolata e non si può sintetizzare [...] Vai alla recensione »

domenica 16 settembre 2018
Tiziana

Film garbatamente surreale,piacevole a vedersi,dialoghi eccezionali.forse troppi flash back ma ben collegati alla storia.

Frasi
I vampiri sono ricchi e fascinosi, gli zombi sono proletariato...
Zero (Simone Liberati)
dal film La profezia dell'armadillo - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 13 settembre 2018
Emiliano Morreale
La Repubblica

Forse bisognerebbe far finta che il testo di partenza non esista. Ma come si fa? Zerocalcare è stato, in termini di pubblico, il maggior fenomeno del fumetto italiano degli ultimi tempi, un cantore istintivo di cose che riguardavano una generazione e non solo. E La profezia dell'armadillo, esilarante storia di una crescita incrociata con un lutto, raccontata in prima persona con toni surreali, era [...] Vai alla recensione »

lunedì 17 settembre 2018
Enrico Danesi
Giornale di Brescia

Cinema e fumetto si intersecano senza produrre valore aggiunto ne «La profezia dell'armadillo», adattamento firmato da Emanuele Scarinffi dell'omonima graphic novel di Zerocalcare, ritratto di una generazione di "tagliati fuori" da (quasi) tutto. Nella storia, ampiamente autobiografica, Zero è un ventisettenne di Rebibbia, periferia Nord-Est di Roma: un disegnatore precario che si arrabatta dando ripetizion [...] Vai alla recensione »

sabato 15 settembre 2018
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Ha un solo problema. Per il resto "la profezia dell'armadillo" sta tra i rari film italiani ben scritti, da vedere senza sofferenze: la bravura di Zerocalcare, capace nei suoi fumetti di dialoghi che superano di moltissimo il raggio d'azione dello sceneggiatore italiano arriva sullo schermo. Possiamo anche dire "graphic novel" invece di "fumetto", per non irritare i lettori della prima ora.

giovedì 13 settembre 2018
Valerio Caprara
Il Mattino

La gag del precario protagonista di «La profezia dell'armadillo» inscenata con Panatta è irresistibile, non si può smettere di guardarla su You Tube e concorre alla discreta qualità del film trasposto dalla graphic novel di culto del fumettista romano Zerocalcare. La freschezza e l'autoironia che attraversano come una scossa elettrica la ballata urbana che doveva girare Mastandrea ed è poi scivolata [...] Vai alla recensione »

giovedì 13 settembre 2018
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Zero è un disegnatore che campa dando ripetizioni di francese. Viene a sapere che la sua amica Camille è morta. Inizierà una elaborazione del lutto, con l'aiuto di un Armadillo (la sua coscienza) che sembra AIf. Ispirato al lavoro di Zerocalcare, il film non ne rispecchia Io spirito. A parte l'apparizione di Panatta e il personaggio di Pietro Castellitto (bravo), rimane poco di appassionante in un [...] Vai alla recensione »

NEWS
SPLENDOR
lunedì 1 ottobre 2018
 

Parte la nuova stagione di SPLENDOR - SUONI E VISIONI, il programma di intrattenimento culturale condotto dal critico cinematografico Mario Sesti. Ospiti della prima puntata sono gli attori Niccolò Senni, Pietro Castellitto, il regista Pippo Mezzapesa, [...]

VIDEO RECENSIONE
venerdì 14 settembre 2018
A cura della redazione

Zero ha ventisette anni e il talento per il disegno. La sua vita sociale si limita a Secco, con cui condivide l'entusiasmo per la geek culture. Ma la sua vera passione è Camille, il suo amore di sempre traslocato a Tolosa e ora vinto dall'anoressia.

TRAILER
giovedì 9 agosto 2018
 

Zero ha ventisette anni, vive nel quartiere periferico di Rebibbia, più precisamente nella Tiburtina Valley. Terra di Mammuth, tute acetate, corpi reclusi e cuori grandi. Dove manca tutto ma non serve niente.

POSTER
mercoledì 8 agosto 2018
 

Zero ha ventisette anni, vive nel quartiere periferico di Rebibbia, più precisamente nella Tiburtina Valley. Terra di Mammuth, tute acetate, corpi reclusi e cuori grandi. Dove manca tutto ma non serve niente.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati