La prima notte del giudizio

Film 2018 | Azione, Fantascienza, Horror V.M. 14 97 min.

Titolo originaleThe First Purge
Anno2018
GenereAzione, Fantascienza, Horror
ProduzioneUSA
Durata97 minuti
Regia diGerard McMurray
AttoriMarisa Tomei, Lauren Velez, Melonie Diaz, Mo McRae, Chyna Layne, Y'lan Noel Lex Scott Davis, Patch Darragh, Aaron V. Williamson, Qurrat Ann Kadwani, David Breda, Steve Harris.
Uscitagiovedì 5 luglio 2018
DistribuzioneUniversal Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 14
MYmonetro 2,50 su 11 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Gerard McMurray. Un film con Marisa Tomei, Lauren Velez, Melonie Diaz, Mo McRae, Chyna Layne, Y'lan Noel. Cast completo Titolo originale: The First Purge. Genere Azione, Fantascienza, Horror - USA, 2018, durata 97 minuti. Uscita cinema giovedì 5 luglio 2018 distribuito da Universal Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 14 - MYmonetro 2,50 su 11 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi La prima notte del giudizio tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Sfogare la propria aggressività in 12 ore durante le quali tutto è concesso. Com'è arrivata la società a decretare questa legge? In Italia al Box Office La prima notte del giudizio ha incassato nelle prime 4 settimane di programmazione 1,5 milioni di euro e 538 mila euro nel primo weekend.

La prima notte del giudizio è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,50/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,00
PUBBLICO 3,00
CONSIGLIATO NÌ
Alle origini dello Sfogo, mentre nella saga distopica la critica politica prevale sul thriller.
Recensione di Emanuele Sacchi
giovedì 5 luglio 2018
Recensione di Emanuele Sacchi
giovedì 5 luglio 2018

Gli Stati Uniti d'America sono schiacciati da crisi economica, sovrappopolazione, criminalità e miseria dilagante. Un partito di estrema destra salito al potere, i Nuovi Padri Fondatori, pensa che l'unica possibilità di risanare il Paese stia nella istituzione, con cadenza annuale, di una notte in cui ogni reato sia lecito, chiamata Lo Sfogo. Il primo esperimento ha luogo a Staten Island, New York, seminando il terrore tra gli abitanti.

Dal thriller claustrofobico del primo film, in cui lo Sfogo - in originale The Purge - era poco più di un pretesto narrativo, a una vera e propria saga che intende raccontarci un futuro che non vorremmo mai vedere. E che gli eventi odierni annunciano come possibile, in un mondo che sembra aver perso il senno.

La serie di film di James DeMonaco - che qui si limita a produrre, affidando la regia a Gerard McMurray - è un cavallo di battaglia delle promozioni Blumhouse, che si nutre di questi accostamenti inquietanti con il presente per tradurre le nostre paure in paradossi da B movie. Un'esasperazione e semplificazione di comportamenti spesso subdoli e doppi, ricondotti a una più chiara identificazione di dove stia il Male. È quel che si chiede e si è sempre chiesto al cinema di genere, d'altronde, e che la serie de La notte del giudizio ha generosamente restituito, con un legame così stretto con il presente politico da trasformare il suo ultimo atto in una sorta di anteprima della temuta elezione di Donald Trump. La prima notte del giudizio parte da qui, con tanto di battuta elementare e intraducibile che fa riferimento al presidente in carica: e se tecnicamente il film di McMurray costituisce un prequel, nei fatti è il risultato di come la saga si sia (inaspettatamente) evoluta in questi anni.

Il fascino della scoperta del mistero legato alla notte dello Sfogo, dell'inquietudine irreale che precede il suo arrivo e che caratterizza ogni suo momento, rischia ormai di scolorire nella prevedibilità. La componente thriller passa talmente in secondo piano rispetto alla rivolta sociale da portare alla rinuncia di colpi di scena e soluzioni di sceneggiatura che sembrerebbero quasi inevitabili (come lo spreco del potenziale di suspense del folle Skeletor nel finale). Ma il coraggio di mettere in scena un film in cui i personaggi di razza caucasica rappresentino sempre il male e in cui i protagonisti siano tutti afroamericani indigenti colpisce in ogni caso. E continua a rappresentare una sferzata in un mondo ripiegato su abitudini così radicate da nascondere la loro natura discriminatoria. Neppure l'ultimo Spike Lee è arrivato a tanto. Se Scappa - Get Out, altra produzione Blumhouse, ci aveva aperto gli occhi sulla percezione della questione razziale, La prima notte del giudizio aumenta il carico, svolgendo il suo sporco lavoro con generose dosi di piombo.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
Come sono nate le 'notti del giudizio'? Il prequel della saga ideata da James DeMonaco.
Overview di Andrea Fornasiero
martedì 21 febbraio 2017

Nel 2018, con l'idea di abbassare il tasso di criminalità per il resto dell'anno, i Nuovi Padri Fondatori d'America decidono di mettere alla prova una teoria sociologica, lasciando l'aggressività libera di scaricarsi per una notte in una comunità isolata. Ma quando la violenza degli oppressori si scontra con la rabbia degli emarginati, il contagio esplode oltre i confini della comunità e rischia di incendiare la Nazione.

Ho incontrato Gerard McMurray e siamo subito diventati una coppia artistica perfetta. La sceneggiatura è mia ed è un film al novanta percento con un cast nero. Ho temuto di non essere adatto per la mia prospettiva di bianco italoamericano, ma credo che questa sia una storia universale. Inoltre mi sono informato molto e ho lavorato duro per entrare in una prospettiva diversa dalla mia.
James DeMonaco

Lo sceneggiatore e regista di tutti i precedenti capitoli, James DeMonaco, ha scritto anche questo prequel che sarà però diretto da Gerard McMurray, un autore nero come gran parte del cast, che ha vissuto in prima persona l'esperienza di Katrina a New Orleans. Il modo in cui le forze governative hanno trattato le persone del nono distretto della città ha per altro influenzato lo stesso DeMonaco nella scrittura del primo La notte del giudizio.

Ancora una volta coinvolti come produttori della serie Jason Blum, vero e proprio patrono del cinema di genere a basso costo americano, e Michael Bay. La svolta black della serie con questo prequel non deve per altro stupire, visto che proprio Blum è dietro a Scappa - Get Out, il film che prima di Black Panther, ha indicato come tirasse una nuova aria al box office americano.

Per McMurray si tratta dell'opera seconda dopo Burning Sands: il codice del silenzio, esordio presentato al Sundance Film Festival 2017 e dedicato all'omertà e ai brutali riti di iniziazione tra le confraternite dei college americani. McMurray può vantare inoltre una partecipazione come producer a Prossima fermata Fruitvale Station di Ryan Coogler con Michael B. Jordan, cosa che lo include nella new wave black del cinema Usa.

Ambientato a Staten Island, dov'è cresciuto DeMonaco, The First Purge spiega come siano nate le "notti del giudizio" al centro degli altri film. Lo sceneggiatore racconta qual è stato il problema principale da risolvere: «La gente di Staten Island può facilmente andarsene a Brooklyn per la serata, quindi ho deciso che gli organizzatori avrebbero dovuto offrire denaro alle fasce più povere della comunità perché restassero nella comunità. Si tratta insomma una monetizzazione dell'omicidio e della violenza, si incentiva la gente a uccidere e si fa in modo che ci siano persone intorno che possano fare da vittime. È un'idea del tutto grottesca e purtroppo molto attuale considerato il clima dell'attuale amministrazione americana».

Visto che il personaggio di Frank Grillo, al centro del secondo e del terzo capitolo, è ancora di là da venire, serviva un nuovo protagonista: William, interpretato da Y'lan Noel, vagamente noto solo per un ruolo ricorrente nella comedy Insecure. Il suo personaggio, secondo DeMonaco, è un anti-eroe ispirato al Clint Eastwood di Gli spietati ed è al centro della storia più di quanto accaduto con i protagonisti dei capitoli precedenti. Al film partecipano inoltre il premio Oscar Marisa Tomei e Patch Darragh, recentemente fattosi notare come il preside in Everything Sucks! Su Netflix.

Riguardo all'elemento politico di The First Purge DeMonaco dice di sentirsi come i registi degli anni 40 e 50 che dovevano fare western e film di guerra per contratto, ma cercavano di usarli per veicolare comunque contenuti di attualità. Allo stesso modo i film della serie La notte del giudizio vogliono essere divertenti e ben iscritti all'interno del genere, ma comunque portatori «di un discorso su quello che sta succedendo nella americana, per chi voglia vederlo».

Sei d'accordo con Andrea Fornasiero?
LA PRIMA NOTTE DEL GIUDIZIO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
Infinity
-
-
-
TIMVISION
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€15,99 €19,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 17 luglio 2018
woody62

(Attenzione contiene spoiler) L’idea che un periodo di 12 ore di impunità assoluta durante il quale è possibile commettere qualunque reato, anche il più efferato, possa rappresentare una valvola di “sfogo” positiva con benefici influssi sul tasso di criminalità, sembra già a prima vista una cavolata, nonostante le presunti giustificazioni [...] Vai alla recensione »

venerdì 20 luglio 2018
Maramaldo

"E ora?" chiede alla fine la vivace morettina dalle treccine attorcigliate. "Si combatte" promette l'astuto e palestrato eroe, sempre imbracciando l'arma con cui ha steso un bel po' degli scherani mandati dalla Casa Bianca. Dalla parlata, slavi: una variante nella connotazione del male assoluto. Sembra che James DeMonaco nella sua quadrilogia ce l'abbia col pittoresco [...] Vai alla recensione »

mercoledì 18 luglio 2018
max821966

Ho visto gli altri film della saga con l'occhio da spettatore neutro, mi spiego meglio, negli States questi film dovrebbero far riflettere il pubblico sul messaggio : una iperbole di quello che realmente è la società  statunitense, ingiustizia sociale , razzismo, politica allo sbando, una crisi economica pronta ad esplodere da un momento all'altro, tremendamente più [...] Vai alla recensione »

venerdì 6 luglio 2018
opidum

se qualcuno non ha visto ancora il film consiglierei  di astenersi dal continuare leggere. come avevo già detto per il precedente questo film è un robusto film d'azione che consiglio a chi piace il genere. sbavate per banlieu 13 e per die hard e fantasmi da marte?  andate vedere questo film che copia a mani basse dai film di carpenter .

sabato 7 luglio 2018
Giajans

Film spettacolare all’altezza dei predecessori, realizzato con meticolosità e recitato alla perfezione, consiglio a tutti non ve ne pentirete!

martedì 10 luglio 2018
elpiezo

 Al fine di abbassare il tasso di criminalità i Nuovi Padri Fondatori d’America concedono una notte di aggressioni presso una comunità isolata. L’origine dello sfogo annuale tra disagio sociale e violenza urbana, l’ordinaria corsa alla sopravvivenza diviene un intreccio di retorica, carneficina e critica politica.

Frasi
- Lo Sfogo è uno strumento politico?
-… è uno strumento psicologico: per salvare il paese dobbiamo liberare la rabbia in una sola notte.
Una frase di (Marisa Tomei)
dal film La prima notte del giudizio - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 12 luglio 2018
Beatrice Fiorentino
Il Manifesto

Lo statement è esplicito, come il nesso con l'America di Trump (e non solo con quella). E non è ovviamente un caso se negli Stati Uniti La prima notte del giudizio (The Fist Purge), quarto capitolo e prequel del-a saga firmata Blumhouse, raggiunge le sale il 4 luglio, durante i festeggiamenti dell'Independence Day. Quello che vediamo è un Paese in ginocchio: disoccupazione alle stelle, crisi economica [...] Vai alla recensione »

sabato 14 luglio 2018
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Missione compiuta. "We made this country great", strilla il trailer della serie "The Purge" futura tappa della saga iniziata nel 2013 con il film di James DeMonaco "La notte del giudizio". "Purge" sta per pulizia, sacrificio, espiazione - stessa radice di purgatorio. I Nuovi Padri Fondatori d'America hanno abolito il 4 luglio e la festa del Ringraziamento istituendo la ricorrenza chiamata nel titolo [...] Vai alla recensione »

giovedì 12 luglio 2018
Stefano Giani
Il Giornale

I Padri fondatori del caso non sono John Adams o Thomas Jefferson, ma un truce partito di ultradestra che istituisce il giorno dello Sfogo per consentire ogni eccesso e placare la sete di sangue del popolo alle prese con criminalità, crisi economica e miseria. Dal cocktail esce un'indigestione di violenza gratuita con annessa immotivata allusione a Trump.

NEWS
BOX OFFICE
martedì 10 luglio 2018
Andrea Chirichelli

La prima notte del giudizio resta in testa ieri, con un incasso poco superiore ai 50mila euro, mentre tutti gli altri film finiscono sotto quota 25mila, con il solo Jurassic World - Il regno distrutto (guarda la video recensione), capace di restare [...]

BOX OFFICE
domenica 8 luglio 2018
Andrea Chirichelli

La prima notte del Giudizio vince il sabato al boxoffice italiano ed è anche l'unico film a superare i 100mila euro, con un incasso di quasi 140mila. Ottima tenuta per Jurassic World - Il Regno Distrutto (guarda la video recensione) che grazie agli [...]

BOX OFFICE
sabato 7 luglio 2018
Andrea Chirichelli

La prima notte del Giudizio vince nettamente la giornata di ieri con oltre 100mila euro e guida la pattuglia Universal che vede al secondo e terzo posto gli immarcescibili Jurassic World - Il Regno Distrutto (guarda la video recensione) e Obbligo o [...]

BOX OFFICE
venerdì 6 luglio 2018
Andrea Chirichelli

La prima notte del giudizio si prende la vetta in una classifica prevedibilmente rivoluzionata, grazie alle tante new entry arrivate ieri nelle sale italiane. Universal piazza una tripletta sul podio, visto che dietro al film horror, che ha aperto con [...]

BOX OFFICE
giovedì 5 luglio 2018
Andrea Chirichelli

Jurassic World - Il regno distrutto (guarda la video recensione) ottiene 57mila euro, raggiunge quota 9,4 milioni di euro e si prepara a scavalcare Come un gatto in tangenziale, insediandosi al decimo posto della classifica assoluta stagionale italiana. [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati