MYmovies.it
Advertisement
Lo Schiaccianoci e i quattro regni, una bellissima illusione

Un'opera che attinge a ben tre arti diverse: la danza, la musica e la scrittura. Al cinema.
di Alice De Luca, vincitrice del Premio Scrivere di Cinema

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Keira Knightley (33 anni) 26 marzo 1985, Teddington (Gran Bretagna) - Ariete. Interpreta La fata confetto nel film di Lasse Hallström, Joe Johnston Lo Schiaccianoci e i Quattro Regni. Al cinema da mercoledì 31 ottobre 2018.
giovedì 8 novembre 2018 - Scrivere di Cinema

Lasse Hallström è un regista svedese che fa i primi passi nella cinematografia americana con La mia vita a quattro zampe (1985), Le regole della casa del sidro, (1999) ed è arrivato al grande pubblico con successi come Chocolat (2000) o Hachiko (2009); In aggiunta ha lavorato in diverse occasioni per gli Abba e nel 1985 per i Queen. Come lui anche Spike Lee, John Landis, Spike Jonze e Martin Scorsese si sono cimentati nell'arte del videoclip che non vede la musica a disposizione delle immagini ma bensì il contrario.
Quest'esperienza influenza la sensibilità artistica a tal punto da implicare nell'autore il bisogno di un equilibrio, di un bilanciamento costante che conferisca eguale importanza ad ogni componente cinematografica, dinamica analoga all'orchestra dove ogni strumento è necessario.

Grazie alla formazione del regista Lo schiaccianoci e i quattro regni è un'operazione collettiva, sia al livello profilmico che filmico: tanto che sia Clara che la sua interprete Mackenzie Foy, non vengono oscurate dai grandi personaggi/attori come Helen Mirren, Morgan Freeman e Keira Knightley i quali, affiancano l'emergente Jayden Fowora-Knight nel ruolo di Phillip, "the nutcracker" ed adiuvano il viaggio dell'"eroina" per i regni dei fiocchi di neve, dei fiori, dei dolci e dei divertimenti, dimensioni allegoriche che le permetteranno di superare il trauma della morte della madre.
Alice De Luca, vincitrice del Premio Scrivere di Cinema

Per l'adattamento di un'opera che attinge a ben tre arti diverse: la danza, la musica e la scrittura, si rivela necessaria, proprio come in un'orchestra, una forte collaborazione tra l'ambito artistico e tecnico che vengono uniti dall'intento di modernizzazione.
Il film ha una connotazione visiva spettacolaristica poiché, mentre nelle storie si ripresentano periodicamente gli stessi topoi, le immagini continuano a stupire. Così Hallström, in quanto guida, lascia condurre i "musicisti" al primo violino: il co-regista, Joe Johnston che, intervenuto per completare le riprese, aggiunge dinamicità e azione al film con la SGI. È Linus Sandgren che, con una fotografia sia tetra che appariscente, riesce ad avvicinare il pubblico alle vicende senza farlo spaventare dal mondo del fantastico.
Nella nuova produzione Disney, tutti i dipartimenti cooperano per ottenere una rilevante attualizzazione visiva che non scaturisce dall'originalità ma dalla resa e dalla rielaborazione del racconto di Ernst Theodor Amadeus Hoffmann, delle coreografie di Marius Petipa, assenti se non per l'eccezione del segmento omaggio a "Toccata e fuga in Re minore" di Fantasia (1940), e delle musiche di Cajkovskij che vengono affiancate dalle composizioni di James Newton Howard.


RECENSIONE CONTINUA A LEGGERE
news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati